11 maggio 2020

Non sanno niente ma parlano di tutto

Esperti di economia, di società, di medicina, di virologia, di finanza, di religione, di sanità, di geopolitica, di morale, di moda, di cultura generale e pure di quella locale. Il web pullula di gente che non sa nulla ma che, guarda caso, una volta finita dentro un social qualsiasi, si assegna qualche laurea e anche una bella dose di loquacità. L'argomento non ha importanza, la problematica nemmeno, loro si sentono esperti e possono dire la loro volendo tramutare un'opinione in una perla di saggezza, una cretinata in una verità assodata, un insulto in una libera espressione. Non sanno niente ma fingono di sapere tutto e sono i primi a credere di sapere tutto.


[foto by Hengki24]

12 commenti:

  1. Perché è tutto troppo facile, da sapere.
    Mai come in questi due-tre mesi, ne ho sentite tante.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente è facile da sapere. Perché la sapienza implica studio, attenzione e dedizione. E in giro leggo di tutto da parte di gente che non sa un bel niente. Crede di saperlo solo perché l'ha letto su Facebook. Ed è assurdo, oltre che particolarmente idiota.

      Elimina
  2. Ho notato che in certi programmi cominciano a mettere musica di sottofondo quando parlano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quali programmi mettono musica di sottofondo?!

      Elimina
    2. Parlo di programmi alla radio. Qua e là, sento gente che parla di svariati argomenti e mentre parla musica di sottofondo.

      Elimina
    3. Ascolto praticamente solo Radio 3 e quello che dici lì non avviene.

      Elimina
  3. Come scrisse Eco: "prima parlavano solo al bar e subito venivano messi a tacere". Spesso con le loro sparate diventavano gli zimbelli del bar o della compagnia. Con la rete si danno man forte tra simili. Mai avrei pensato nelle mie fantasie che potesse nascere nel nuovo millennio l'associazione dei terrapiattisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe meglio che tornassero al bar a sbevazzare e a sparare scemenze. In Rete si sentono potenti, credibili, osannati. Una massa di gente incolta e stupida che il web ha trasformato in novelli profeti.

      E vogliamo parlare degli immancabili complottisti?

      Elimina
    2. Quelli sono i peggio in assoluto!

      Elimina
    3. I peggiori cialtroni di sempre.

      Elimina
  4. Bisogna imparare da Socrate, per smontare i trucchi linguistici dei cosiddetti esperti. Tutta fuffa, lo sappiamo, lo vediamo. Magnifico post Euridice, duro, com’è giusto che sia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo vediamo e lo sappiamo. Ma loro continuano a far danni lo stesso.
      Non mi sembra poi così duro il post. O no?

      Elimina