4 aprile 2020

Oggi non mi va

Oggi non mi va di stare dove sto. Oggi non mi va di pensarmi al sicuro né di sperare che passi. Oggi non mi va di prendere libri tra le mani e non mi va di raccontarmi al telefono in una cronaca che pare sempre la stessa. Oggi non mi va di dedicarmi a niente. Oggi non mi va perché sento il tempo dilatarsi fino a opprimere ogni voglia e ogni pensiero. Oggi non mi va di ricordare e non mi va di costruire. Oggi non mi va perché oggi sento che non funziona, che non coincide, che non vale la pena. Oggi non mi va bene niente di me e non mi va bene niente del resto. Oggi non mi va: sono spinosa e cupa e sterile e vigliacca. Oggi non mi va e mi viene solo da piangere.

[foto by ashsivils]

10 commenti:

  1. Una giornata no. Capita: fermati a riposare.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Nei momenti difficili succede che i nervi cedano e tutto diventi nero, ma noi siamo piu forti della rassegnazione e il futuro esiste e ci aspetta.
    Ciao, fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un momento complicato. Per me e per tutti, temo. La cupezza prende il sopravvento e il futuro sembra solo un pozzo senza fondo.
      Grazie Fulvio.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Oddio, ci mancava pure Il giorno della marmotta!
      Comunque l'ho visto qualche anno fa, credo.

      Elimina
  4. in effetti il momento, e le sue prospettive, contribuisce a deprimere, scuotere e confondere anche l'animo più saldo... direi che il pianto ha più che giustificati motivi... diventeremo tutti bipolari, un giorno up e l'altro down...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ho pianto. E pure parecchio.
      Sono in fase down, non c'è che dire.

      Elimina
  5. Mi ricorda una canzone...comunque niente di cui preoccuparsi, domani è un altro giorno..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, soprattutto se il problema non è tuo. No?

      Elimina