27 gennaio 2012

C’è un paio di scarpette rosse - Joyce Lussu


C'è un paio di scarpette rosse
numero ventiquattro
quasi nuove:
sulla suola interna si vede ancora la marca di fabbrica
"Schulze Monaco".

C'è un paio di scarpette rosse
in cima a un mucchio di scarpette infantili
a Buckenwald
erano di un bambino di tre anni e mezzo
chi sa di che colore erano gli occhi
bruciati nei forni
ma il suo pianto lo possiamo immaginare
si sa come piangono i bambini
anche i suoi piedini li possiamo immaginare
scarpa numero ventiquattro
per l'eternità
perché i piedini dei bambini morti non crescono.

C'è un paio di scarpette rosse
a Buckenwald
quasi nuove
perché i piedini dei bambini morti
non consumano le suole.

10 commenti:

  1. http://www.nazioneindiana.com/2012/01/26/memorie-dell-olocausto-e-una-bellissima-aurora/

    RispondiElimina
  2. visto che si usa ancora far imparare a memoria le poesie ai bambini, questa dovrebbe essere la prima. e magari l'unica. per non dimenticarla mai.

    RispondiElimina
  3. Io ogni volta non posso fare a meno di chiedermi quanta cattiveria ci sia voluta, per fare tanto male.

    RispondiElimina
  4. Questa è una pagina di storia crudele ma non so perchè mi piace. Non posso credere nè ce la farò mai a capire e spiegare tutto l'inutile massacro consumato dalle bestie umane. Vorrei anche non dire nulla,lasciare il silenzio che parla da sè,ma proprio non ci riesco. "Se comprendere è impossibile,conoscere è necessario" (P.Levi).
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Bella nel senco che è molto commovente e che descrivendo un particolare allude a tutto il caos e l'ambiente da bolgia infernale che c'è dietro...ecco mi suonava male il mio "bella",ma non ricordavo dove l'avevo scritto non è un aggettivo giusto per una poesia che narra questo strazio....

    RispondiElimina
  6. Che starei male con le scarpette rosse! si, si...
    un bacione e buona domenica
    Signor_Omicidi

    RispondiElimina
  7. Un bambino non ha bisogno di parole, per testimoniare l'inferno. Basta il suo stupore. Ed eventualmente un paio di scarpette.
    Ho conosciuto Joyce Lussu, nel 1993.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.