17 febbraio 2011

Mangiatori di libri

Una cornice di libri. Letti e da leggere. Arrivano perché non so farne a meno. Ci provo pure a non comprarne ma loro sono più forti. Mi obbligo a furia di divieti o rimproveri. Poi incontro una libreria e mi dico "Solo un'occhiata..." e ne esco fuori almeno con un altro libro. Forse meno corposo, forse meno costoso. Un altro. Lo appoggio sulla torre di quelli in attesa. Prima o poi leggerò tutto, per quell'amore che ancor non m'abbandona. Sono mia vita e mio cibo anche se qualcuno continua a ripetere che non si mangiano.

[foto by siddhartha19]

28 commenti:

  1. Sei una libro-dipendente, hai questo impulso irrefrenabile all'acquisto... Difficile smettere, anche perchè non esistono comunità per disintossicarsi.. :))

    RispondiElimina
  2. ecco appunto, proprio oggi scendo in città a ritirare un libro che ho ordinato ___ secondo te esco solo con quello?
    ma sono contenta, ho ripreso a leggere libri da qualche mese dopo 4 anni di totale rifiuto e disinteresse __ poi forse grazie anche al blog e alle recensioni e segnalazioni dei e delle blogger adesso ho anche io due pile accatastate in attesa:)

    RispondiElimina
  3. Che bello questo post, ed è proprio vero! Ricordo che già in precedenza ne avevi parlato della torre di libri, nel vecchio blog. Anche io, pur non leggendo tantissimo come te, non riesco ad uscire da una libreria senza aver comprato qualcosa. Quando lascio qualche acquisto non fatto, ci penso pure di notte...e poi finisce che ci ritorno per comprarlo.

    RispondiElimina
  4. @ Topaus: sì, lo ammetto: ho una dipendenza dai libri. Non solo non voglio smettere, ma sogno di poter fare di questa passione il mio reale lavoro, un giorno. Chissà...

    RispondiElimina
  5. @ teti: benissimo. Sono sempre felice quando le persone tornano (o cominciano) a leggere libri. Faccio proseliti in ogni modo, ma mi rendo conto che ci sono persone del tutto allergiche alla lettura e del tutto indifferenti a qualsiasi libro. Poverine!

    RispondiElimina
  6. @ Veil: vero. Avevo già parlato della torre di libri, che nel frattempo è raddoppiata perché una, da sola, non stava più in piedi.
    Fai bene ad andare in libreria, è un ottimo posto per farsi un regalo e per dedicarsi del tempo.

    RispondiElimina
  7. Si mangiano. Le assicuro che si mangiano.

    RispondiElimina
  8. Sì, me ne ero accorta già da un po'!

    RispondiElimina
  9. Ops... allora mi devo preoccupare!

    RispondiElimina
  10. I libri vanno assaggiati, annusati, mangiati. Io impilo libri sul pavimento non mi piacciono gli scaffali. [non avevo dubbi sulla tua passione "libraria". Si sente e si legge :) xxx ]

    RispondiElimina
  11. Li assaggio, li annuso, li mangio ogni giorno. Da anni. E non posso (e non voglio) farne a meno.
    Io li ho negli scaffali. Temo che per terra possano rovinarsi.
    Un abbraccio, Emma.

    RispondiElimina
  12. Euridice, anche io li metto sugli scaffali...ho anche i reggilibri,il leggio, e l'espositore sulla scrivania dove ci appoggio il libro che è in lettura. Tu sei proprio convintissima che la lettura ti abbia insegnato a scrivere così divinamente oppure c'è anche un segreto? Mi piace un sacco scrivere come te...quando ti leggo è una meraviglia, ogni volta.

    RispondiElimina
  13. allora ti deluderò, ma oggi ho resistito stoicamente!
    e grazie a te:)
    mi sono ricordata questo post e mi sono detta, dai teti, sta volta prendi, incarta e porta a casa solo quello ordinato:)
    anche perchè ho da finire la ballata di iza (come anticipato;)
    e così ho pure risparmiato:) tanto i libri son lì, aspettano:))
    buona serata!

    RispondiElimina
  14. anch'io adoro comprare i libri e spesso mi lascio guidare dalle sensazioni,nella scelta! Ciò che trovo assurdo,o forse no,è che sono capace di rileggere un libro che mi piace anche dieci volte....e ,ogni volta,il piacere,aumenta...Come se dovessi prederne l'anima ...

    RispondiElimina
  15. @ Veil: sei ben organizzato, leggo. Io sono meno metodica. Le mie torri si trovano sulla scrivania, accanto al computer. Poi ho diversi scaffali e librerie in stanze diverse (tutte in una non è possibile...). Cerco di dare un ordine in base alla casa editrice, ma non sempre è possibile.
    Credo che per imparare a scrivere sia necessario scrivere. E leggere, prima ancora. Si impara soprattutto così: leggendo quanto di buono e di meglio è stato già scritto.

    RispondiElimina
  16. @ teti: sei stata bravissima. Però mi sento un po' in colpa: ti ho fatto venire i sensi di colpa!
    La Szabò è davvero grandiosa, spero ti stia piacendo. Io, finito quello di Colombo-Ferretti, passero alla Arslan.
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  17. @ EMMA: io scelto in base alla passione che ho per un autore o un'autrice. A volte leggo delle recensioni (spesso su Lankelot) e mi lascio attrarre dai pareri di persone di cui mi fido e che, sicuramente, sanno giudicare un libro.
    La ri-lettura è qualcosa a cui mi dedico di tanto in tanto. Di solito, però, preferisco leggere ciò che non ho ancora letto.

    RispondiElimina
  18. Me ne cibo quotidianamente, anche se molto meno di quanto vorrei.

    RispondiElimina
  19. E se non ho capito male tu, in mezzo ai libri, ci passi le tue giornate.
    Non sai quanto ti invidio...

    RispondiElimina
  20. Scusami se ogni volta che entri nel mio blog non ci trovi nulla di nuovo. Ma ti confesso che non amo affatto il mio modo di scrivere e sono demotivato. Scusami ancora e grazie di cuore per le tue visite.Sei cara.

    RispondiElimina
  21. Ho notato, Veil, che sei fermo da un po'. E mi spiace. Immagino che tu non abbia molto tempo, ma credo che, come ho scritto in precedenza, l'unico modo per imparare a scrivere sia... scrivere.
    Non devi pensare troppo, altrimenti ciò che scrivi perde di spontaneità e leggerezza.
    Scrivi. Non farti troppi problemi.

    RispondiElimina
  22. Hai capito male, credo.
    Passo le giornate in mezzo ai libri, sì. Contabili.

    RispondiElimina
  23. Ecco, come al solito!
    I libri contabili non sono proprio nelle mie corde. Ritiro: non ti invidio affatto.
    Sorrido...

    RispondiElimina
  24. Drogata!!!
    Ché uno comincia con quelle cose leggere che legge verso i dodici tredici anni, poi si abitua, prende il vizio e non c’è più niente da fare, eh!
    Come dite? Topolino?
    No, no… l’Euridice a tredici anni leggeva Nietsche.
    La madre l’ha portata anche in un centro di recupero. Le han fatto intrecciare cestini di vimini, accudire asinelli, lavorare l’argilla…
    Non c’è stato nulla da fare. Intrecciava cestini col doppio fondo in cui nascondeva libri di contrabbando che gli procurava un paramedico corrotto e scriveva i dieci comandamenti sul recto delle tavolette d’argilla destinate al vaticano mentre sul verso incideva la “Trilogia della città di K” in caratteri cuneiformi per non dare nell’occhio (erano le uniche tavole dei comandamenti con la quarta di copertina).
    Se voi o i vostri figli doveste avere lo stesso problema dell’Euridice non cercate quel centro di recupero sulle pagine bianche: da quando quattro asinelli che lavoravano lì si sono laureati in lettere, l’hanno rilevato e ne han fatto una libreria con annesso ristorantino. Piatto unico della casa: tagliatelle paglia e fieno.
    Basilico

    RispondiElimina
  25. Si scrive Nietzsche! E non lo leggevo affatto a 12 anni. Ma molto più tardi, purtroppo...

    [bel commento: ho riso per tutta la sua lettura. Grazie!]

    RispondiElimina
  26. Colpa mia. Se avessi scelto Socrate non sarebbe successo. Comunque non ti attaccare ai refusi! Piuttosto, peché non mi hai corretto quel "gli procurava" con "le procurava"?
    Desiderio di mascolinità? Freud (questo tedesco qui l'ho scritto bene)me l'appoggerebbe. :-)
    Basilico

    RispondiElimina
  27. Perché con Nietzsche non si scherza!

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.