30 maggio 2018

Con le mani

Lavorare con le mani, ora che non lavoro più, mi dà modo di non pensare. Impastare o cucire o incollare o disegnare o incidere o inventare è la mia fuga da quel che non sono più e da quel che non riesco più ad essere. Il silenzio di un nodo, la precisione di una misura, il colore di un inserto sanno occuparmi la mente e il tempo in una fase della mia vita in cui la mente oscilla come vuole e il tempo è un rigonfiamento che mi schiaccia senza remore. Le mani vanno dove gli occhi dicono, il pensare non pesa troppo perché è convogliato su linee e luci e lame. Così mi stacco da me per divenire quel che fanno le mie mani. E vivo almeno un po'.

[foto by laura-makabresku]

16 commenti:

  1. Sono ormai quasi vent'anni che vivo coi lavori manuali. Poi la concentrazione deve essere sempre massima perché in tutti i luoghi di lavoro ho sempre avuto responsabili o responsabili qualità severissimi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quando lavori con le mani la concentrazione deve essere sempre alta altrimenti possono essere commessi errori anche gravi. Però, come ho scritto, probabilmente a me serve proprio questo: concentrarmi su qualcosa di materico e diverso per non pensare continuamente alle stesse tristi cose.

      Elimina
  2. con le mani, con la mente ... con il cuore, con tutta te stessa

    RispondiElimina
  3. Lavorare con le mani è uno svuotamente eccezionale. Credo che sia l'esercizio migliore per chi è molto cerebrale, lo dico per esperienza personale...
    È una bella cosa in un momento difficle. Assaporala.

    P.S. Funziona :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi aiuta molto. Un'amica oggi mi ha detto che non è un caso se funziona anche con i pazzi...

      Vedi? Ora puoi scrivere!

      Elimina
    2. Sei un po' pazza anche tu Anna?

      Elimina
  4. Ho la sensazione che ci sia qualcosa che non so...
    Euri, ne approfitto per farti tanti auguri di buon compleanno. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo che ci siano davvero molte cose che non sai. D'altro canto non ci sentiamo da un secolo!

      Comunque grazie di cuore per gli auguri.
      Ti abbraccio anche io.

      Elimina
  5. Approfitto per gli Auguri anche io, e aggiungo la fotografia, per le mani; anche se la fatica maggiore la fanno occhi e testa..

    RispondiElimina
  6. Dotato di scarsissima manualita dico che deve essere affascinante poter essere cio' che fanno le proprie mani
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È affascinante e magico. Una sensazione che amo molto. E mi aiuta molto, in questa fase della mia vita, a sentirmi capace di fare.

      Elimina