12 maggio 2014

Tra una bolgia di fanfare ed altre voci

Mio padre è un Alpino. Lo è con convinzione. Con la stessa fermezza e lo stesso cuore di quel ragazzo che era e che ha condotto obici lungo le mulattiere innevate delle Alpi o raccolto cadaveri dalle acque e dal fango dell'alluvione di Firenze. Sentire la sua commozione dopo la fine dell'ennesimo raduno nazionale a cui prende parte mi tocca l'anima. Perché per lui che ha le ginocchia in frantumi per colpa di un mestiere massacrante riuscire a non cedere ed arrivare fino in fondo è una soddisfazione che non si può spiegare. E infatti non deve spiegarla. Non a me. Mi basta sentire l'entusiasmo che arriva per telefono tra una bolgia di fanfare ed altre voci.

[foto by photoMick]

Nessun commento:

Posta un commento

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.