19 febbraio 2012

Dimostra di non essere un robot

Prendo spunto da un post di Zio Scriba ed appoggio la sua denuncia relativa al nuovo sistema di verifica parole adottato in molti blog. Premettendo che tanti blogger non sanno neppure di essere portatori di questo perverso aggeggio, invito chiunque a fare le dovute verifiche e a rimuovere l'odiosa procedura che per chi commenta è a dir poco molesta. Basta seguire poche istruzioni: "Opzioni blogger", dal menù a tendina selezionare "Vecchia interfaccia blogger", passare a "Impostazioni" poi a "Commenti" e spuntare l'opzione "NO" relativa al comando "Mostra la verifica parole per i commenti". A questo punto si clicca su "Salva". Tutto il popolo blogger (che non è fatto di robot) vi ringrazia di cuore.

[foto dal web rielaborata da mia_euridice]

16 commenti:

  1. Avere questa procedura odiosa (e inefficace, perché non serve assolutamente a nulla) significa non essere gentili nei confronti dei lettori e commentatori. E' come se tu mi invitassi a pranzo, e poi al mio arrivo mi facessi perquisire da una guardia del corpo, non solo rude e violenta, ma pure incapace di trovare la pistola giocattolo che mi ero nascosto addosso per scherzo...
    Grazie per il contributo alla buona e giusta causa... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver dato rilevanza a questo "orpello" di cui possiamo fare a meno.
      L'esempio da te descritto è più che calzante.
      Ed ora speriamo che in tanti andranno a controllare e a rimuovere la nefasta procedura.

      Elimina
  2. mi associo! l'attuale è anche peggiore del precedente e del tutto inutile in quanto comunque i filtri anti spam funzionano anche senza!
    buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione teti, quello adottato di recente è un sistema ancora più contorto del precedente.
      I filtri funzionano e nel caso, siamo sempre liberi di rimuovere le schifezze che dovessero passare.
      Buona domenica a te!

      Elimina
  3. Ero tra quelli che non sapevano d'averlo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so. Infatti spero che tu lo abbia rimosso. Se così è: ti ringrazio!

      Elimina
  4. fatto anch'io.... chi ci sarebbe mai andato a cercare tale opzione senza il giusto spunto? chissà se la nuova impostazione funziona ora. un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche nel tuo blog, infatti, era attiva. Proverò a scrivere un commento e ti dirò!
      Intanto grazie.

      Elimina
  5. Mai avuto che capisco benissimo cosa significa stare li a cercare di capire come non fare il robot!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia più difficile il contrario. O no?

      Elimina
  6. Io, da visitatore, non la vivo come una perquisizione.
    Forse dovrebbero spiegare meglio cosa voglia dire "robot", perché il fastidio ha luogo quando non si comprende l'utilità di una misura.
    I "robot" sono programmini scritti da hacker che, fingendo di essere utenti in carne e ossa, postano milioni di commenti spazzatura per pubblicizzare i loro interessi o per il semplice gusto di recare disturbo.
    Il riconoscimento di un numero in un'immagine distorta è un'abilità umana difficile da riprodurre artificialmente.
    Finché, da autori, non venite presi di mira, ogni misura preventiva è vissuta come una limitazione. Dopo diventa una scelta irrinunciabile.
    In ogni caso, non mi sembra un grosso sforzo scrivere 2 paroline (il famoso "captcha" che è ormai prassi in ogni sito) per dire al buttafuori "Ciao, sono un amico, a questa festa sono bene-accetto. Ho pure il timbro alla mano, guarda pure...".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di spam me ne arrivano una decina al giorno, ma li elimina tutti il sistema antispam... ma anche se ne passasse qualcuno lo potrei eliminare con un CLIC, che come "grosso sforzo" è certamente meno "grosso" del rompersi le palle col captcha (cosa che chi ha molta passione per i blog e molti amici potrebbe venir obbligato a fare un sacco di volte al giorno)... comunque a casa propria ognuno è libero di fare come gli pare, ci mancherebbe, dico solo che con questi presupposti a me di venire a casa tua non viene voglia neanche un po' (ma probabilmente la cosa è reciproca, perché a questo punto ti sarò diventato antipatico... :D)
      in ogni caso, scopo della campagna era sensibilizzare coloro che ce l'hanno a loro insaputa (e questo sì è gravemente scorretto da parte della piattaforma Blogger!) e infatti in moltissimi sono venuti a ringraziarmi: odiavano la verifica parole, ma senza saperlo (perché quando commenti sul tuo a te non appare) se la ritrovavano in casa!

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.