5 febbraio 2012

Accecata e vinta dall'esplosione dell'Incurabile (*)

La sostanza si disfa. E non ho altra scelta che osservarmi (in)sofferente a cancellare un altro pezzo di quello che qualcuno mi ha riservato senza ritegno. Non somiglio a niente e niente mi somiglia. Proferisco banalità per il gusto aspro di sentirmi chiunque. Essere compresi è uno sforzo che riluce ed acceca per questo non c'è quasi nessuno che sia disposto a farsi denudare dalla vastità di ciò che sente. Ho conosciuto un cavaliere pavido, un tempo. Cavalcava un sorriso stonato ed indossava mani bellissime. Non aveva la sua età e si illudeva di vivere felice in una casa piena di silenzi cuneiformi. Decise di perdersi ed io non feci nulla per liberarmi dalla sua scelta. 

(*) E. Cioran

[foto by MarinaFoto]

14 commenti:

  1. Tutto si può curare... dicono! :) un bacione S_O

    RispondiElimina
  2. Siccome in genere mi viene bene ... Facciamo che ho capito male?
    Ti Abbraccio ... (wu)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti viene bene capire male?
      O ti viene male capire bene?
      Sai che non ti ho capito!

      Sorrido e mi prendo l'abbraccio.

      Elimina
  3. Un'amica blogger me lo ha fatto conoscere... è un autore dolorosamente affascinante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua amica blogger è molto saggia.
      Va letto con estrema cautela, però. Mi raccomando.

      Elimina
  4. va preso in giuste dosi?:)

    RispondiElimina
  5. non stai parlando di Cioran?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ecco. Non riuscivo a capire a chi o cosa ti riferissi.
      Sì: va preso a giuste dosi.

      Elimina
  6. Eh... hai ragione, ma io ho una masochistica predisposizioni per gli autori deleteri!

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.