17 aprile 2011

Il bambino che sogna di fare il batterista degli Europe

Il piglio è da duro. L'espressione un po' meno. Rulla le braccia e guarda davanti a sé, gonfio di un'enfasi che le rock star nemmeno ricordano di aver mai avuto. Biondino e col naso da elfo. Sono sicura che di fronte a sé sta vedendo ondate di gente, luminescenze e gloria. "The final countdown" sparata a volume folle lo esalta, scuote la testa a ritmo e ricomincia daccapo. Ha a mala pena sei anni, è seduto nella macchina di sua madre, nel parcheggio di un supermercato. Lo guardo, sorrido e lo ammiro suonare la sua bellissima batteria immaginaria.

[foto dal web]

16 commenti:

  1. buongustaio!
    in effetti il ritmo è irresistibile:))
    le parole e il senso, beh, in fondo ha 6 anni!!! ^__^

    RispondiElimina
  2. Lui sì. La canzone ormai ne ha 25. Ma lui ancora non lo sa.

    RispondiElimina
  3. E io che a sei anni volevo suonare il contrabbasso come Charles Mingus... [xxx]

    RispondiElimina
  4. Invece il mio sogno era di suonare come il chitarrista degli Europe.

    RispondiElimina
  5. Io volevo essere il cantante dei Christian Death.

    RispondiElimina
  6. Anche a me piaceva tanto quel pezzo degli Europe...e mi piace ancora. Amo la musica degli anni 80', tears for fears, spandau ballet, duran duran...e ricordo sempre quando anch'io tentavo di portare il ritmo con la mia batteria immaginaria. Lo facevo anche con i versi della bocca. bei ricordi.
    PS Euridice, scusami delle assenze, sto lavorando molto.Mi manchi tanto...ma vengo sempre a recupeare la lettura delle tue favolose parole.Sei sempre piu' brava,complimenti.Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. @ Emma: non ti ci vedo a suonare il contrabbasso. Non so perché ma ti vedo meglio come una star heavy metal!

    RispondiElimina
  8. @ Blog_Surfer: allora la prossima volta che vedo il bambino in giro glielo dico, chissà che non riusciate a fondare una band cover degli Europe.

    RispondiElimina
  9. @ Je_est: non conoscendo questo gruppo ho fatto una ricerca su Gooooogle. Trattasi di un certo Rozz Williams. Bel tipo però...

    RispondiElimina
  10. @ Veil: tu non eri nemmeno nato, credo, al tempo degli Europe. Però la loro musica, soprattutto questo brano, al tempo ha fatto furore. Io ero piccola ma c'ero.

    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  11. Pericoloso! Pericolosissimo!
    Conosco uno che a sedici anni suonava il sax nei pub di Rimini sognando di diventare Clinton...
    (Non ti dico com'è andata a finire!)
    Basilico

    RispondiElimina
  12. No, no. Tu me lo dici eccome come è andata a finire!
    Ché io sono curiosa...

    RispondiElimina
  13. Conoscevo un prete che andava matto per quella canzone. Chissà se in segreto anche lui si esaltava fingendo di suonarla con la batteria.

    RispondiElimina
  14. Va bene, se proprio insisti, te lo dico:

    Ecco, questo giovane di belle speranze qui sotto…

    http://triskeles.wordpress.com/2009/02/02/voi-avete-la-gay-noi-il-cantante/

    …cantava con passione sperando che emulando pedissequamente quest’altro “giovanotto” qui…

    http://www3.lastampa.it/costume/sezioni/articolo/lstp/363002/

    …sarebbe diventato esattamente come lui, in tutto e per tutto.

    Nulla poteva lasciar presupporre che…

    http://ilquotidianoinclasse.it/?attachment_id=16275

    …potesse superarlo di gran lunga!

    Basilico

    RispondiElimina
  15. @ espe: un prete? Ah, simpatico!
    Beh... io me lo immagino in sagrestia che finge di suonare la batteria per gli Europe. Perché no?!

    RispondiElimina
  16. @ Basilico: così la prossima volta imparo a farmi i fatti miei. Santo cielo!

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.