25 febbraio 2018

Meteo-terrorismi

Sì, va bene, arriva questo Burian che viene dalle remote steppe siberiane e che, pare, per colpa di strani fenomeni, stia sbagliato direzione: non si dirige più in Cina ma in Europa. Insomma ci toccheranno dosi extra di freddo, gelo, neve. Annunci di disastri imminenti, cataclismi senza paragoni e devastanti sciagure tra cielo e terra. Il terrorismo meteorologico mi pare solo una delle tante forme di pessima informazione, morbosissima abitudine d'attirare occhi ed orecchie per ragioni piuttosto banali. E tutti a parlarne e tutti a temerne e tutti ad aspettare chissà cosa. Mamma mia che ansia! Ed io, come già detto, detesto l'ansia.

[foto by DorottyaS]

12 commenti:

  1. la cosa che più mi infastidisce di questi allarmi, che ricordano la nota favoletta de 'al lupo al lupo', è che in buona sostanza informano e basta, sono pochi i casi in cui servono a prevenire rogne. Noi qui in zona alluvionale perenne, ne abbiamo snocciolati diversi di allerta meteo, salvo poi lasciare tutto come prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco la necessità di prevenire problemi ed accuse, ma a volte si finisce per trasformare una nevicata in un fenomeno paranormale.
      Stamattina qui, e vivo in Abruzzo a 700 mt di altitudine, ci sono 25/30 cm di neve. Per i nostri luoghi direi che è la normalità: capita ogni anno.
      In TV, in questo esatto istante, stanno intervistando un edicolante a Piazza San Pietro. Parleranno pure di miracolo?

      Elimina
  2. dove posso firmare?
    odio questo stile da cataclisma annunciato e questa gente che ascolta tremando i polsi in un finto brivido.
    ma che nevichi quel che deve nevicare, non siamo in inverno?
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto. D'estate c'è stato un caldo terrificante, d'inverno c'è neve. Anche a Roma. Saranno contenti i bambini di Roma che non sanno neppure cosa sia la neve.

      Elimina
  3. Già ho l'ansia e l'orrore per il freddo e la neve che evito di leggere o ascoltare qualsiasi previsione catastrofica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, allora stai lontano da TV o radio italiane in questi ultimi tempi. Non fanno che parlare del "disastro maltempo".

      Elimina
  4. In effetti diciamo che qui in Svizzera su questo freddo sono rimasti un po' piu' coi piedi per terra. Capisco che a Napoli uno possa aver paura dell'arrivo della neve ma per chi vive al Nord, a ridosso o dentro le Alpi, questo freddo e neve che possono prolungarsi fino a maggio/giugno (basta seguire il Giro d'Italia per capire di cosa sto parlando) sono la normalità e non capisco tutta questa allerta...e lo sai quanto odio il freddo e la neve. Stessa roba per la nebbia...che invece adoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente questi allarmi sono pensati per spaventare la gente di città del tutto impreparata a vedere e gestire la neve. Anche se poi in molti vanno a sciare quando possono.
      Credo che, in generale, i disagi di una nevicata in una città siano importanti ma forse basterebbe semplicemente prendere atto che i mutamenti climatici sono questi e che anche a Capri e a Procida possa arrivare la neve e il gelo. Magari si inventeranno un turismo su neve anche lì!

      Elimina
  5. Mia non esageriamo . Una quarantina di anni fa era lo stesso freddo,la stessa neve , insomma inverno. Questa e la stagione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse 40 anni fa era anche peggio.

      Elimina
    2. Tu dovresti sapere , sicuramente avevi di già una decina di anni

      Elimina
    3. No... Non avevo una decina d'anni.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.