16 novembre 2016

Vis polemica

Non reggo le polemiche. Soprattutto quelle che non portano da nessuna parte e non producono frutti. Le definiscono sterili e lo sono in senso letterale. Parole rilanciate in aria come sputi per il solo gusto di infervorarsi o accrescersi l'ego. La forza di certe posizioni si ribadisce con la pazienza di chi sa ascoltare o con l'intelligenza di chi accetta di aver torto. La morbosa ferocia di chi non contempla repliche e rovista nevrotico nei propri verminosi discorsi mi sfianca e mi deprime. Sarà anche per questo che, per pura sopravvivenza, abbandono il campo e, se serve, parlo altrove.

15 commenti:

  1. Niente niente parliamo di referendum?

    RispondiElimina
  2. Secondo me Euridice si imbelvì come una fiera,
    vedendo che l'Orfeo, volgendole lo sguardo improvvido e intempestivo, la ritornò per sempre in braccio a Dite. Ma trista e triste per la propria sorte, non ebbe più la forza di esternarsi, perchè alla rabbia la delusion le fu soverchia. E si vendicò allorchè del tracio, in tranci, le baccanti ne fecer strame, scempio e strazio. Che tanto meritò quello sciupone, che tanto meritò, gran testa di....
    (io sto con euridice; mi firmo, Luca Bovino)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sorriso di Euridice
      E l’Euridice s’imbelvì, una fiera
      Divenne, al che l’Orfeo volgendo il guardo
      Improvvido e improvviso e gran testardo
      La riportò da Dite e alla sua schiera
      Ma trista e triste per la propria sorte,
      non ebbe più la forza di esternarsi,
      e rise a rabbia delusion mutuarsi,
      le fu soverchio il dì, più di sua morte.
      Ma vendicossi allor che il tracio, in tranci
      le bacche donne fecer scempio e strame
      ché strazio meritò costì l’infame
      e membra torte a uccelli mesti ranci
      invano invocò vita e vana venne
      per chi da sua consegna non fu indenne

      Elimina
  3. come ti capisco, Sgarbi è il nostro idolo, diciamolo :)
    massimolegnani

    RispondiElimina
  4. L'italia è piena di gente che non sa come impiegare il proprio tempo in maniera intelligente.
    Sorrido: Sgarbi è simpatico pure a me!

    RispondiElimina
  5. Anch'io le odio le polemiche inutili, soprattutto se non portano da nessuna parte!

    RispondiElimina
  6. Le polemiche non portano mai da nessuna parte, in quanto sono appunto polemiche e non serie discussioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono pienamente d'accordo con te.
      La polemica può consentire anche un'apertura verso posizioni che non si erano considerate. Permette a chi ha opinioni altre di dire la sua. Peccato che in tante occasioni diventa solo un modo per esporre la propria prepotenza e imporre una visione che è solo una delle tante possibili.

      Elimina
  7. Non c'è luogo più adatto alle polemiche del web. Ogni polemica nasconde in sè il germe della diversa ideologia e del proprio specifico interesse quindi il rischio della sua sterilità.
    Sgarbi è un uomo di cultura colpito in modo irreversibile dal virus della maleducazione e del presenzialismo. Peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il web è un luogo che tracima di polemiche, spesso cieche e stupidissime. Solitamente perché il web sembra garantire un anonimato che, in realtà, non esiste. Ci si sente coperti da un'identità che realmente non c'è e quindi si ritiene di potersi esprimere con aggressività, volgarità o arroganza senza rispondere di quel che si dice. Ovviamente il web può celare ma chiunque può essere rintracciato e stanato.

      Sgarbi ha costruito un personaggio disturbante ma intelligente. E' stato bravo.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.