8 novembre 2016

Malati di selfie

Selfie in teatro. Selfie al cinema. Selfie al supermercato. E persino selfie in chiesa. Ovunque ci sia una faccia, ovunque ci sia un cellulare c'è gente che fa selfie. Ragazzini, certo, ma anche gente che ha superato i quindici anni da un bel pezzo. Come se una faccia, la propria faccia, possa aver qualche forma di rilevanza per il resto del mondo. Eccomi, sembrano dire, sono qui e sono io. Ripetendolo fino a divenire nauseanti, fino a sprofondare nel ridicolo più plateale. Curare il proprio egocentrismo è il malanno del secolo ma questa smania di mettere la propria faccia al centro di tutto mi pare idiozia purissima.

[foto by eikoweb]

12 commenti:

  1. Selfie al funerale...selfie nelle zone terremotate. Fai un selfie e ti dirò chi sei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me pare che ci sia poco da dire su chi fa selfie a un funerale.

      Elimina
  2. Anch'io sono d'accordo con voi. Non capisco per nulla questa moda del selfie puro e duro (sarà la età)e tantissime volte di cattivo gusto come dice Remigio. Questo curare il proprio egocentrismo fino allo spasmo a che pro? visto che il tutto non appaga la sete del narcisismo anzi, la autoalimenta fino all'inverosimile.

    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente è solo una delle tante "mode" di questo tempo. Il problema più serio, a mio avviso, è che chi è fissato con i selfie non si rende conto che ci sono luoghi o momenti del tutto inopportuni per fotografarsi.

      Elimina
  3. settimana scorsa sull'autobus ho litigato con un paio di ragazze sedute davanti che continuavano a farsi selfie inserendomi nella foto. alla terza volta ho chiesto gentilmente di smetterla perché non mi andava di essere ripreso. risultato? loro che proseguono prendendosi gioco di me e il resto dei presenti che mi dà del rompipalle. "E che problema c'è se entri nelle loro foto?"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente non si rendono conto che c'è chi non ama essere fotografato. Sono tutti talmente invasati dalla propria immagine e dal desiderio di mostrarsi sui vari sociale che chi ragiona come te deve sembrare un soggetto molto strano.

      Elimina
  4. un'altra cosa che sta sfuggendo di mano nel magico mondo dei social. Ho trovato interessante la reazione di Toscani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conoscevo l'episodio che vede protagonista Toscani. D'altro canto mi chiedo come possa venire in mente di chiedere ad uno dei fotografi più importanti del mondo di fare un selfie. Mi sembra un insulto alla sua arte. E, a quanto pare, Toscani l'ha percepito in questo modo.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Farsi una foto, magari per gioco, magari per caso, può anche essere. Quello che non capisco è questa follia di farsi decine di selfie al giorno, senza alcun logica.

      Elimina
  6. È una cosa che fatico a capire. Anche vedere la mattina sui mezzi la maggior parte delle persone compulsare costantemente il proprio smartphone mi pare strano. Sono atteggiamenti ossessivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lunedì mattina ho preso un bus per tornare a casa. Ho letto per quasi tutto il tempo: avevo un libro in borsa. Ogni tanto sollevavo gli occhi e ho visto, a momenti alterni, tutti quelli che mi erano attorno presissimi dai loro telefonini: musica, messaggi, foto, suoni e chissà cos'altro.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.