25 maggio 2015

Uomo barbuto

Premetto: questo post è tragicamente inconsistente, blandamente sciocco, platealmente patinato. Ma ogni tanto mi sovvengono contenuti insipidi come questo. Serve pazienza. Osservo e scrivo, è noto. Ed ora mi capita di osservare la presenza, o l'esistenza, di un numero sempre più evidente di uomini barbuti. Ragazzi. Molti ragazzi. Molti bellissimi ragazzi. Presumo sia un vezzo che fa tendenza, un dettaglio d'altri tempi che ritorna in auge come capita per tutto. La barba. Personalmente preferisco gli sbarbati ma devo riconoscere che un certo uomo barbuto può avere il suo inspiegato fascino. Forse perché mi pare più maturo o solo più austero: dettagli che non so non rilevare.

[foto by apalkin]

32 commenti:

  1. Lo apprezzerei di più se fosse davvero un vezzo, e non l'ennesima moda pecoroide (e machoide, spesso con sottintesi arcaico-sessisti e omofobi). E la cosa mi secca, perché io un po' di barba, se non altro per pigrizia, tendo ad avercela da anni (specie ora che ingrigendosi mi dona... :D)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se sia un vezzo o una moda. Magari è sia l'una che l'altra cosa. Che poi in molti si "accodino" è la norma, almeno per molti. Non capisco perché dietro la barba possano o debbano esserci sottintesi omofobi o sessisti, mah...

      Un po' di barba è una cosa. Avere la barba lunga, come fanno molti ragazzi/uomini che vedo in giro, è un'altra.
      Preferisco quella molto lunga a quella incolta: mi dà solo la sensazione di scarsa igiene e scarsa cura di sé.

      Elimina
  2. La barba (curata) per me è sesso allo stato puro.

    RispondiElimina
  3. La barba non sta bene a tutti. Ma quando cresce sul volto giusto, beh, mi piace molto. Unico particolare negativo: può dare fastidio, "in certi frangenti", a pelli femminili sensibili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione: la barba lunga non sta bene su tutte le facce. Ad alcuni volti dona un aspetto interessante ed affascinante.
      Per quel che mi riguarda la barba lunga non è fastidiosa, molto peggio quella di qualche millimetro: davvero irritante!

      Elimina
  4. La barba è soggetta a, uhm, oscillazioni periodiche; in certi periodi va per la maggiore, in altri va di più l'uomo rasato. Poi, che stia bene o meno, è una questione di due fattori: 1) lo stile che l'uomo sceglie di adottare; 2) la faccia adatta o meno alla barba. In ogni caso, d'accordo con Zio Scriba: il portare o meno la barba, l'adottare questo o quell'altro stile (barba "piena", pizzetto, cespuglio alla Babbo Natale, favoriti stile 1800, e via di barbe varie) dev'essere una precisa scelta dell'individuo e non l'adeguarsi a mode pecorecce solo per far vedere che macho si è. N. B.: io sono un uomo barbuto, e perfino mia moglie se n'è fatta una ragione dopo aver tentato vanamente di farmela rasare. Del resto, quando uno bisticcia col rasoio - che, essendo d'acciaio, vince sempre - deve tenersi la barba...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onestamente non conosco moltissimo le tendenze e le fluttuazioni delle barbe maschili. Sì. In certi periodi ho visto andare "di moda" stili e barbe diverse senza mai capire chi è che detti la moda suddetta. Forse i calciatori o gli attori o gli artisti o... boh!

      Sicuramente ognuno sceglie lo stile della propria barba, ci mancherebbe.

      Elimina
    2. Ranz... non sara' mica Psomoi Andròmeoi reloaded?

      Firmato: Un anonimo dispettoso! :)

      Elimina
    3. Rido...
      Non credo.
      Detto da un altro anonimo poi...

      Elimina
    4. In effetti, come anonimo non sono credibile.

      Quello che mi ha colpito e' l'uso del trattino e l'aggettivo pecorecce.

      Che mi ricorda qualcun altro, che (sempre secondo me) prima si firmava ma poi credo sia diventato l'anonimo che ho citato sopra, e prima di questo Pablo.

      Dirai: che mi importa? In fondo nulla, non sono affari miei.
      Era solo una futile curiosita' intellettuale.

      :)

      Elimina
    5. No, come anonimo non sei molto anonimo.
      Almeno per me: conosco i miei polli.

      Comunque io ritengo che i due personaggi erano diversi. Te l'ho spiegato, ma tu continui a credere (o sospettare) altro. Non posso farci granché.

      Elimina
    6. All'anonimo qui sopra: confermo quello che ha detto Mia Euridice: non sono Psomoi Andròmeoi reloaded, e nemmeno Pablo. Sono un lurker che scrive commenti ai post una volta al millennio, più o meno, quando ho qualcosa da dire relativamente all'argomento in questione. Ti stupisce l'uso di una parola in volgarissimo italiano come "pecorecce"? Ti sorprende l'uso tipografico dei trattini? Forse non leggi abbastanza.

      Elimina
    7. Mia Euridice: a scanso di equivoci, sappi che io qui ho commentato solo qualche volta, anche se ti leggo spesso senza commentare. Giusto per non tirare in ballo altri a torto...

      La mia opinione non conta, in fondo, era una sorta di enigma da risolvere, un gioco futile.

      Penso infatti che spesso quanto scriviamo e come lo scriviamo rifletta molto del nostro essere. E che chi voglia fingersi altro, alla fine, finisce comunque per rivelare se' stesso. Solo i più grandi scrittori possono davvero scrivere come una persona "diversa da se'".

      Non e' una questione personale, e' piuttosto un enigma "letterario".

      :)

      Elimina
  5. sorrido. la mia barba ha attraversato tutte le mode, i periodi in cui faceva sinistra, quelli in cui non si usava e quelli in cui faceva macho, strafregandosene delle mode e mantenendosi immutata nel tempo (se non che nel frattempo s'è imbiancata). ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammirevole la tua coerenza.
      Probabilmente hai una barba "classica". Di quelle che non vanno mai fuori moda.

      Elimina
  6. ...e, come sempre, sono loro a lanciare la moda: i calciatori. Prima capelluti... poi pelati... poi tatuati. Ora sono pelati, tatuati e barbuti. Inguardabili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ecco.
      Quindi secondo te, anche in questo caso a lanciare la moda sono stati i calciatori.
      In effetti moltissimi di loro sono pieni di tatuaggi ed amano lasciarsi la barba lunga. Molti altri, invece, si divertono a giocare con i tagli di capelli. Se ne vedono di stravaganti in campo.

      Elimina
  7. Secondo me perché ti sembra più austero. E' una moda, e come tale va presa, secondo me. Io sono sempre stato abbastanza glabro, a livello di peuria, quindi anche volendo. E poi preverrebbe il bianco, che più che austero mi darebbe l'aria del cimitero!
    SD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una moda e, quindi, destinata a passare o finire per essere sostituita da qualche altra tendenza.
      Barbabianca?
      Secondo me saresti divertente.

      Elimina
  8. peluria e tre puntini dopo il volendo. Chiedo venia...

    RispondiElimina
  9. Siamo dalle parti del vezzo che fa tendenza, un po' come i tatuaggi che tracimano. Solo che i secondi non li puoi tagliare.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, i tatuaggi non si tagliano.
      Al massimo si tagliano gli arti che li ospitano.
      Ma è meglio di no.
      Esiste la cancellazione ma, per quel poco che ne so, è un'operazione lunga e pure fastidiosa.

      Elimina
  10. Se fossi uomo avrei la barba. Deve essere una gran noia radersi tutti i giorni e senz'altro quel tempo lo si può impiegare per altro...Magari non tutti gli uomini la lasciano crescere per vezzo ma forse anche per pigrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che molti uomini barbuti seguano la tua stessa logica.
      Non si radono per purissima pigrizia.

      Elimina
  11. Ho sempre rasato la barba. Però è vero: confesso che, da quando vedo molti miei simili con la barba curata, anch'io la faccio crescere ultimamente. Però è un accessorio naturale che non dovrebbe essere condannato. Meglio sfoggiare una bella barba che rifarsi le sopracciglie ad ala di gabbiano. Abominio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno condanna la barba. Per carità... anche se alcuni la portano male e la curano poco. In quel caso meglio evitare.

      Le sopracciglia ad ali di che?

      Elimina
  12. Come si può vedere io ho la barba e nessuna donna mi ha mai chiesto di tagliarmela. Corse solo il pericolo quando feci il militare ma riuscii a tenerla anche allora. Mi sono chiesto come sarebbe stato il viso di Garibaldi e Marx senza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente porti la barba fin da giovanissimo.
      Probabilmente raderti ora, dopo tanti anni di "barbosità", ti snaturerebbe.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.