20 aprile 2015

Una conoscenza inutile - Charlotte Delbo


Ti prego
fa' qualcosa
impara un passo di danza
qualcosa che giustifichi la tua esistenza
qualcosa che ti dia il diritto
di vestire la tua pelle e i peli del tuo corpo
impara a ridere e a camminare
impara perché non avrebbe senso
che in tanti fossero morti
e che tu vivessi
senza fa nulla della vita tua.


(sopravvissuta ad Auschwitz)

[foto by LauraBallesteros]

6 commenti:

  1. La prima sensazione che mi prende è l'essenzialità di avere in pregio la vita; qualunque cosa si faccia, è che abbia un senso che giutifichi "Sono quì, ora..."In tali situazioni conta solo di essere padroni del proprio destino. Tuttavia in circostanze come questa di Charlotte Delbo ciò non lo è.

    Buon inizio di settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una sopravvissuta ad Auschwitz non può non avere in pregio la vita.
      Questa poesia mi è subito sembrata una preghiera. Non a Dio, ma agli uomini. Una preghiera affinché apprezzino ciò che hanno e ciò che sono, invitandoli a fare qualcosa (qualsiasi cosa) che "giustifichi" un'esistenza.
      Perché in troppi sono morti...
      "impara perché non avrebbe senso
      che in tanti fossero morti
      e che tu vivessi
      senza fa nulla della vita tua."

      Elimina
  2. Me la ricordo. Mi inviasti un messaggio whatsapp con la foto di questi versi scattata dal libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto!
      Questa poesia apre il libro "Le donne e l'Olocausto" che ho letto qualche tempo fa. E' così bella che ho "dovuto" portarla anche qui.

      Elimina
  3. Chi ha conosciuto la morte, sa quanto vale la vita e, purtroppo, non è retorica. Chi conosce solo la vita, come me per esempio, si lagna, come faccio io per esempio.
    Erase and rewind, per quanto mi riguarda...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io mi lagno, sono cosciente.
      Per questo amo questa poesia: ridimensiona quel lato del mio essere.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.