25 marzo 2015

Vivo spettinata

Vivo spettinata perché di pettini non ne possiedo affatto. Non saprei pettinarmi perché in testa porto troppi nodi e troppe direzioni. Nulla di sconvolgente o di eccessivo; solo quel poco di caos che basta a non farmi alcuna piega né troppi problemi nel portarmi appresso quel che sono. So che forse dovrei preoccuparmi un po' di più. D'altro canto lo fanno tutti no? Districarsi al meglio e scintillare di perfezione manifesta. Io m'accontento di non pettinarmi affatto e di passare immune, sotto silenzio. Un anonimato che mi fa camminare tra le ombre e nei sottosuoli, luoghi dai quali ho il privilegio di osservare e capire. Si vive bene e spettinati quando le anomalie sono la regola.

[foto by NataliaDeprina]

25 commenti:

  1. Tutti gli artisti hanno una capigliatura un po ' bizzarra. Un look estroverso, informale, fuori dai soliti schemi. Le persone con i ricci sono tra le più fighe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo che gli artisti abbiano necessariamente una capigliatura un po' bizzarra. Ci sono ottimi artisti che si pettinano perfettamente e altri che non hanno neppure i capelli...

      Elimina
  2. Anch'io porto in testa, metaforicamente, troppi nodi e direzioni; però insisto a pettinarmi. Meglio tu che assecondi nodi e direzioni, forse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente anche la mia era una metafora. Anche se in testo mi porto davvero nodi e direzioni, considerando la natura anarchica dei miei capelli.
      Non mi pettino mai: che senso ha?

      Elimina
    2. Non chiedere a me: io il senso non l'ho ancora trovato :-)

      Elimina
    3. Nemmeno io, questo è poco ma sicuro.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Dentro.
      Io anche fuori.
      Figuriamoci: un disastro!

      Elimina
  4. io con i ricci... ed ho detto tutto! ahahah

    RispondiElimina
  5. Ogni riccio un capriccio, dice spesso una mia conoscente con una cascata di riccioli.
    Io credo che se stendessimo i capelli e ci mettessimo a studiarne le trame, potremmo, al pari delle Parche, conoscere il nostro destino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La storia che ogni riccio sia un capriccio me la sento ripetere da quando ero giovane. Ti dirò: non mi sembra neppure troppo lontana dal vero.
      Ma credo che tutte le donne, ricce o meno, siano capricciose.
      Se no che donne sarebbero?

      Elimina
  6. Mia Eridice, rappresenti te stessa, è come dire: non è l'abito che fa il monaco...ma ciò che uno è dentro. Diversamente ci si acconteterà di rappresentare un maschera ad ok...come in tanti fanno nel web. Tuttavia rappresentare se stessi e descrivere la propria vita è cosa che va oltre la rappresentazione: Si fa vedere, conoscere di se, ciò che si vuole, o NO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raccontarsi è rappresentarsi, ovviamente. E chi si racconta si rappresenta come crede e come vuole. Certo: c'è chi preferisce la mala fede, ma costa troppa fatica quindi non mi interessa.

      Elimina
  7. Ad ok... mi piace molto.

    RispondiElimina
  8. perché mi ricorda il post di un'altra blogger? una certa S.
    V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so chi sia la blogger S.
      Però potresti postare il link al post a cui fai riferimento.
      Giusto per curiosità...

      Elimina
  9. Guarda, non sai che noia al lavoro l'obbligo di radersi ogni giorno o tenere la barba curata e i capelli ben messi. Quelle cose che proprio non mi sono mai interessate e invece... Posso scriverlo? Che palle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco quell'obbligo.
      Molte persone che conosco DEVONO mettersi in tiro tutte le mattine prima di andare a lavoro.
      Molto noioso, hai ragione.

      Elimina
  10. Io mi pettino, col pettine, lo preciso perché certi si pettinano con le mani. In quanto a essere pettinati dentro questo è ben altro discorso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono pettinata né fuori (non potrei anche volendo) né dentro (non vorrei anche potendo).

      Elimina
  11. Mi aggrego al popolo dei ricci: una vita di amore e odio nei confronti dei miei capelli. Li ho sempre definiti anarchici. (e questo, forse, è un privilegio)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io li ho sempre definiti anarchici.
      E mi viene da ridere...

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.