5 agosto 2013

Il logorroico

Il logorroico è un tipo umano da cui, solitamente, mi tengo alla larga. Ma a volte, senza neppure sospettarlo, il logorroico tende la sua imboscata. Ed accade quando possiede una faccia che non conosci e modi che non t'aspetti. Ti blocca in un angolo e dà avvio alle sue elucubrazioni: circuiti di parole che tracimano dalla sua bocca senza alcun ritegno. Interromperlo è impossibile perché ignora beatamente tutto quello che può dire qualcun altro mentre sguazza soddisfatto tra le sue ciance. La salvezza sta in una distrazione che arriva come una zattera. E respiri, finalmente, il silenzio ritrovato.

[foto by ixchell]

12 commenti:

  1. Ne conosci molti? Io uno solo che scanso con rapidissimi guizzi di velocità, che a Roma si chiamano scantonate, velocità che riscopro dopo tanti anni di camminate lemme lemme.
    Il logorroico ti bracca, ti insegue, ti tampina, ti afferra per un gomito, ti tiene fermo. L'unico scopo della sua vita è riempirti la testa delle sue chiacchiere. La salvezza sta nel cellulare: afferrarlo e iniziare una conversazione in una lingua a lui sconosciuta -possibilmente- e chiudendo con la solita frase di emergenza: "devo immediatamente andare a casa, problemi urgenti".
    Non conosco altri metodi, mi spiace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non ne conosco molti, per fortuna.
      Il problema, come ho scritto, è che a volte non sai che chi hai di fronte è un logorroico. E quando te ne accorgi è troppo tardi: il logorroico è già in moto.

      Ovviamente ora che so che il tale appartiene al genere, mi terrò allegramente alla larga da lui.

      Elimina
  2. generalmente sono persone egocentriche ... una volta individuate tendo sempre a far presente l'inutilità delle loro ciance (lo sono sempre), mi sottraggo con un motivo qualsiasi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai quello che cerchiamo di fare tutti, immagino: fuggire dal logorroico.

      Mi domando sempre: ma i familiari di questi soggetti come faranno?

      Elimina
    2. mi verrebbe da pensare che vi sia un tipo di persone che apprezza il logorroico, un pò come lasciare una radio sempre accesa ...

      Elimina
    3. Una radio sempre accesa = una radio sempre spenta.
      In sostanza, arrivati ad un certo punto, non viene più ascoltata.

      A me, comunque, i logorroici sembrano simili a dei torturatori.

      Elimina
  3. Penso che oltre che egocentrici siano anche frustrati dal non essere riusciti a raccogliere successi nella vita e quindi cercano di convincere il prossimo del loro valore.Io li taglio senza molti complimenti, perché se non hanno la sensibilità di capire quando devono fermarsi, sono anche maleducati.ciao brunella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve Brunella.
      Io credo che il logorroico non abbia nessuna idea di essere logorroico. Insomma, non sa di essere pedante, morboso e sfiancante.
      Probabilmente si tratta di una nevrosi o qualcosa del genere. Secondo te è curabile?

      Elimina
    2. Non saprei, ci vorrebbe il parere di uno psichiatra. Sono decisamente molesti e anche difficili da tagliare, non ti permettono di intervenire e ti "parlano sopra". I peggiori sono quelli che magnificano i loro figli, quelli per me sono insopportabili, prima di scrivere altre cattiverie è meglio che ti auguri buona notte.brunella

      Elimina
    3. Se uno psichiatra dovesse passare di qui, sarebbe interessante approfondire l'argomento.
      Non discuto la loro molestia, visto che la "patisco" di tanto in tanto.

      Ed io ti auguro buona giornata!

      Elimina
  4. Sì, sono così presi da se stessi che non s'accorgono neanche di una tua probabile risposta -ammesso che ci sia un millesimo di secondo di silenzio in cui ci si possa intrufolare- . E poi pretendono attenzione, ti seguono con gli occhi come per dire " guardami, hai capito cosa sto dicendo, sono stato chiaro. E guardami, dai". Io non riesco a seguirli e arriva un punto in cui dico sempre di sì anche se l'avranno sparata grossa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti non danno mai molto spazio agli altri. Il loro è per lo più un monologo che non prevede scambi dialettici con nessuno.

      In verità anche se loro cercano di guardarti sempre negli occhi, io cedo. Mi ritrovo a guardare (e pensare) altrove.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.