12 aprile 2013

Mentre loro si perdono in chiacchiere

Mentre loro si perdono in chiacchiere un mio caro amico ha saputo che a giugno nessuno gli rinnoverà il misero contratto a progetto su cui, nonostante tutto, un po' sperava. Mentre loro si perdono in chiacchiere Teresa mi spiega che suo figlio ha perso il lavoro e suo marito muratore si arrangia come può. Mentre loro si perdono in chiacchiere incontro una giovane donna separata, che ora deve vivere da sua madre, che mi chiede se conosco qualcuno disposto a farle fare le pulizie in casa. Mentre loro si perdono in chiacchiere diverse ex colleghe sono in cassa integrazione a zero ore. E loro continuano  a perdersi in chiacchiere.

[foto by catch---22]

22 commenti:

  1. E il guaio è che quando "faranno i fatti" rischieranno seriamente di peggiorare le cose... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il timore che ho anche io.
      Però, onestamente, considerando la situazione, sarebbe il caso che iniziassero a muoversi un po'. Smettendo di fare solo chiacchiere.

      Elimina
  2. Come italiano all'estero la cosa che più mi avvilisce è leggere in diretta, e non edulcorato da mamma RAI, quello che scrivono di noi. La parola più innocua è "irresponsabilità".
    Ancora mi avvilisce il sentirmi continuamente dire: se non conoscessimo gente come te e come la tua famiglia penseremmo che a casa vostra si possa essere solamente mafiosi.
    I nostri politicanti hanno paura di scomparire e così NON facendo lasciano scomparire la nazione, almeno il sistema-nazione, almano e di sicuro la brava gente operosa, che finora è stata quella che ha retto sulla groppa sta nostra povera Italia.
    Ma loro continuano a non far niente.
    Voglio dire una bestemmia: mi sa che ci vorrebbe un quinquennio di sana dittatura, mi sa....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In primis: una dittatura non è mai sana. E su questo non transigo per alcun motivo. Nemmeno per una battuta.

      Messo in chiaro il concetto, passo a considerare l'opinione che hanno gli stranieri di noi italiani. E' pur vero che tu vivi in Germania e, come tutti sappiamo, i tedeschi hanno il coltello dalla parte del manico. Sono molto più forti di noi, soprattutto economicamente. E, oggi come oggi, non è un dettaglio. Il problema è che, come diceva il buon Vico, la storia è fatta di corsi e ri-corsi: sarebbe utile non dimenticarlo.

      Loro (i politicanti italici) non fanno niente perché, temo, non sono in grado di farlo. Ed è un gravissimo danno per noi, umili cittadini comuni.

      Elimina
    2. Naturalmente era una provocazione: non vorrei mai ritrovarmici.
      I tedeschi sono più forti di noi perché hanno un sistema politico che funziona, una burocrazia che di fronte alla nostra è paradisiaca, un sindacato che ha fatto da anni un patto di non aggressione con lo Stato, un popolo che borbotta per ogni stupidaggine, ma che lavora in silenzio realizzandosi bel lavoro e badando al bene comune.
      Semplicissimo esempio, elementare direi: qui nessuno butta cartacce per terra per rispetto del prossimo, la cosa pubblica, giardini, panchine, scale etc, sono rispettate e ben tenute meglio del privato perché essendo pubbliche sono di TUTTI.
      Vallo a spiegare agli italiani
      I nostri politicanti sono incapaci di decidere qualcosa di semplicemente utile al popolo: pensano solo agli interessi di parte, purtroppo per noi.

      Elimina
    3. Ecco, meglio che sia stata solo una provocazione. Solo l'idea mi fa venire la nausea.

      I tedeschi sono una civiltà diversa, è evidente. Gli italiani non arriveranno mai a quei livelli. Non tutti almeno. Non abbiamo né la genetica né la forma mentis per fare i tedeschi.

      I nostri politicanti sono per lo più degli incapaci: tutta fuffa e nient'altro.

      Elimina
    4. Ma allora Euri, cosa resta da fare?
      Io non ho risposte, ne hai una tu?

      Elimina
    5. No, non ho risposte precise.
      Quello che so è che è necessario FARE.
      FARE qualcosa per tirare su questo Paese.
      Ma questi NON FANNO assolutamente NULLA!

      Elimina
  3. eh lo so, e gli ultimi arrivati che non ne imbroccano una manco per sbaglio?
    gli eletti non hanno niente da perdere a tirarla per le lunghe, anche perché la patata è bollente.
    mi chiedo solo come doveva essere il baratro che ci hanno fatto scampare se questa qui è la migliore condizione che hanno da offrirci.
    sarebbe da metterci tutti (compresa la casta, gli industriali, i broker ecc) a mille euro al mese finché non trovano la quadra.
    ma tanto si sa già, meno lavoro meno tassabili ergo altre nuove tasse, finché c'è posto nei cimiteri, poi ci penserà il mare a sommergere lo stivale e dopo qualche gorgoglio finalmente smetteranno di blaterare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che quelli che c'erano prima degli ultimi arrivati, cioè i penultimi arrivati, siano stati molto più capaci e pragmatici.
      A volte mi viene da pensare a come facciano altri politici a governare Paesi più grandi, più popolosi o più problematici del nostro.

      L'idea di mettere tutti a mille euro al mese (ma anche meno...) è davvero geniale. Scommettiamo che in tale condizione si darebbero una svegliata?

      Elimina
  4. si perdessero solo in chiacchiere ... lo fanno con uno stipendio di 11.000 euro al mese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti anche io mi perderei volentieri in chiacchiere con 11.000 euro di stipendio a fine mese. Capirai...

      Ecco perché sarebbe molto interessante applicare la soluzione di teti: 1.000 euro al mese e pace!

      Elimina
  5. e quegli altri che si perdono nelle quirinarie ...
    avranno fatto le maternarie, le elementarie e le mediarie, le diplomarie e le universarie, per arrivare a inventare questi geniali neologismi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è una delle tante genialate del simpatico Casaleggio!

      Elimina
  6. Tanto che gli frega! Loro mica hanno problemi di cassa integrazione, o di una casa dove stare.
    Possono chiacchierare per mesi, non sono all'altezza di tirar fuori una conclusione efficace.
    Dovrebbe calargli addosso una mannaia, o un secchio di acido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ha detto teti, sarebbe divertente vederli vivere con 1000 euro al mese (lordi) come fanno tanti italiani (fortunati).
      Abbiamo votato da circa 50 giorni e se io o tu o chiunque altro non fa nulla per i 50 giorni sul posto di lavoro viene cacciato via a pedate. Anzi, a 50 giorni di nulla nessuno ti permette di arrivare.

      La mannaia? Perfetta!

      Elimina
  7. La rabbia viene anche nel pensare che il Parlamento potrebbe continuare a svolgere le sue funzioni anche senza un governo. Quindi la loro è proprio una volontà distruttiva!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, secondo me è proprio quello il problema: la volontà di distruggere quel poco che ancora servirebbe a salvare il salvabile.

      Elimina
  8. Due mesi per loro senza Governo non sono nulla di cui preoccuparsi. Due mesi senza uno stipendio per una famiglia normale sono una tragedia. Ma è difficile che loro se ne possano mai rendere conto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, secondo me, uno dei drammi del nostro Paese è che queste persone non abbiano nessuna percezione del cosiddetto "Paese reale".
      Tanto loro vivono in un'altra dimensione!

      Elimina
  9. Ma no che non si perdono! Loro sono pagati per questo... Chiacchiere ed aria fritta. Del resto, li abbiamo votati noi. Abbiamo quello che ci meritiamo, Euridice. La colpa è del popolo italiano... Che non è un popolo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad occhio e croce credo che non ci fossero molte alternative. Io non vedo grandi differenze tra i "vecchi" e i "nuovi". Sono dei perfetti inetti allo stesso modo.

      E mi spiace per chi pensava che votando i "cittadini" grillini riteneva di rivoluzionare il Paese. Poveri illusi!

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.