13 dicembre 2012

Funziono in multitasking

Forse è davvero un luogo molto comune, ma a me sembra proprio che a noi donne il multitasking riesca meglio. Esempio: in questo momento scrivo un post ma preparo anche una frittata di zucchine, metto a posto la spesa e do un'occhiata alla lavatrice che sta per restituirmi il bucato da stendere. Ah, dimenticavo: ho inviato un sms e, poco dopo, anche una brevissima e-mail. E tutto coi minuti contati ché tra poco esco per andare a lavoro. Non vado molto lontano per fare un paragone. Il mio compagno non ce la farebbe mai. Pensa ed agisce facendo solo una cosa alla volta. E spesso combina disastri ugualmente.

[foto by mirokolesar]

20 commenti:

  1. tutte le volte che, al mattino, vedo mio marito appoggiato alla penisola con le braccia conserte mentre aspetta che la tazza di latte schiaffata nel microonde raggiunga la temperatura desiderata, penso:
    ecco, questa è la differenza tra un uomo e una donna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sembra che certe volte i loro pensieri si coaugulino intorno al nulla. Magari non pensano neppure. O aspettano solo che una tazza di latte faccia il suo dovere.

      Elimina
  2. Il commento di Silvia è realtà; mentre leggevo mi chiedeva: ma Euri ci sta prendendo in giro oppure scherza. Me lo diceva mia mamma quando ero piccolo: ecco sei come tuo padre e tuo fratello, risci a fare solo (solo, capito?) una cosa per volta.
    Allora chiariamoci Euri e Silvia, por favor. Noi uomini siamo diversi per via del nostro DNA, che è l'opposto del vostro: alla base, proprio come terra ferma c'è l'homo sapiens, partiamo di lì, che era sapiens perché riusciva a fare una cosa per bene, andare a caccia. Poi più sopra uno strato di antica Roma, dove gli uomini facevano la guerra e poche altre cose. Poi i secoli successivi, dove gli uomini invadevano territori devastandoli, e mai ricostruendoli,
    Poi dopo altre cose, come la prima e la seconda guerra mondiale, fatte bene, non dico di no, ma che hanno lasciato tutto il gran casino che sappiamo. E a Berlino le donne hanno ripulito le strade dalle macerie.
    Insomma care amiche, che ci volete fare? Così siamo e non pretendete di cambiarci, perché non possiamo.
    Vorrei poi chiedere in ultimo a Silvia: ma il latte nella tazza ce lo mette tuo marito? E il microonde lo apre da solo? E i secondi li digita da solo?
    E allora? Ti pare poco?
    :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho detto nulla in merito alla volontà di cambiarvi: sarebbe solo una fatica inutile. Non cambiereste comunque. Il mio post è solo una constatazione. Un post facile, facile e un po' sciocchino (che vuoi che sia?) per prendervi in giro.

      Elimina
    2. Come vedi lo avevo capito (ormai ti conosco) e mi sono preso in giro da solo. Comunque non è un luogo comune: a me capita -capitava anche quando ero giovane, a scanso di equivoci- di partire sparato, aprire un armadio per fare una cosa, naturalmente solo una, e non ricordarmi cosa dovessi fare. Rinco? Non credo. Buona la tua risposta a Silvia: a volte ho l'impressione di non pensare, ma di far passare il tempo, così ma non so il perché. Forse è proprio questo che vi affascina in noi uomini, che non sapete mai che pesce avete vicino: il mistero della scoperta quotidiana. Anche scoprire il vuoto assoluto può essere interessante, non trovi?
      :)))

      Elimina
    3. Anche a me capita di aprire un armadio per cercare qualcosa ma nel momento in cui afferro lo sportello ho già dimenticato cosa avrei dovuto prendere... ma credo che quello dipenda da un "rincoglionimento" latente da cui più o meno tutti siamo affetti.

      Voi, caro Vincenzo, non siete un mistero (troppo semplici anche solo per aspirare a diventarlo). Nel peggiore dei casi siete delle brutte sorprese!
      Sorrido...

      Elimina
  3. uhm uhm a me stacosa del multitasking mi ha sempre puzzato di fregatura, soprattutto quando a propinarmela era il datore di lavoro di turno ... nel privato forse funziona meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il multitasking sul lavoro è la norma, ci mancherebbe!
      Se così non fosse saremmo degli incapaci.
      Il tuo datore, secondo me, pretende solo il massimo. Sta a te decidere se lo merita o meno.

      Elimina
  4. E' che noi li amiamo così.
    p.s. Quando poi una donna diventa anche madre, è il tripudio del multitasking!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, li amiamo. Ma qualche volta 'sta cosa mi fa anche un po' arrabbiare, lo devo ammettere.

      p.s. per il momento non ho figli per cui posso solo immaginare quali livelli possa raggiungere il multitasking in presenza di prole.

      Elimina
  5. Io invece decisamente multitasking, pensa che mia madre (e mio padre che sa anche cucire) già in prima media mi ha insegnato a stirare, cucire, far da mangiare, eccetera, adesso è una cosa abituale e rende decisamente la vita di coppia più semplice, ci si spartisce i compiti, tipo adesso che sono appena tornato dal lavoro (visto che è il mio turno condominiale) sono sceso nella zona lavaggio e fatta la lavatrice, intanto ho l'acqua sul fornello, sto scrivendo a te, poi stendere, mangiare, lavare piatti e pulire lavello e passare l'aspirapolvere e pulire e i pavimenti e magari ascoltare della musica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Casa mia è così, mio padre ha sempre lavato i piatti, all'occorrenza stirato, a turno lui e mia madre cucinavano. (la bellezza è che ho tutti i miei parenti maschi son così)

      Elimina
    2. La tua compagna è molto fortunata. Bisogna che glielo ricordi ogni tanto. Devo riconoscere che gli uomini della mia generazione (vedo il mio compagno o mio fratello, ad esempio) riescono a cavarsela e a fare un po' di tutto... tranne stirare.
      Gli uomini della generazione di mio padre, invece, non sono in grado di fare nulla. Mio padre, ad esempio, morirebbe di fame e sporcizia visto che non saprebbe prepararsi nemmeno un uovo sodo!

      Elimina
    3. Io ho avuto questa grande fortuna di aver avuto esempi maschili di un certo tipo, mio nonno patera sapeva stirare e cucinare e così anche altri anziani della mia famiglia. mia madre dice che suo padre, che non ho mai conosciuto, lavava, cucinava, eccetera. anche i miei amici così, forse anche perchè sono usciti tutti molto presto di casa.

      Elimina
    4. I tuoi parenti uomini sono stati educati da donne molto intraprendenti. Mia nonna, invece, ha pensato di portare avanti un impianto familiare piuttosto maschilista, purtroppo. L'uomo non deve fare cose da donna: questa la sua filosofia.
      Fortunatamente, col tempo, la situazione in generale è mutata e questo tipo di atteggiamento è sparito. Gli uomini sanno fare, più o meno, tutto quello che sa fare anche una donna in casa.

      Elimina
    5. Devo anche dire che è stato anche merito delle colleghe che ho incontrato nei miei anni lavorativi coi quali ho condiviso ogni genere di lavoro e che mi hanno insegnato, per esempio, a pulire i vetri.

      :)

      Elimina
    6. Eh... le donne sanno insegnare un sacco di cose. Peccato che moltissimi uomini si ostinino a non ascoltarle o a non emularle!

      Elimina
  6. Ho un'amica che ha il dono innato di chiamarmi mentre sono sempre occupato a fare qualcosa. Così con una mano tengo il cellulare (perché il vivavoce a volte produce un fastidioso effetto eco), con l'altra stiro, mi devo ricordare della pentola che sta bollendo, rispondere su skype a qualche messaggio e seguire un programma in tv. L'ultima volta avevo portato il telecomando in bagno e stavo per mettere una maglia in frigo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sapevo che quando parli con me al telefono sei sempre impegnato a fare qualche altro migliaio di cose. SANTO CIELO!
      Guarda che non è proprio educato. Quindi se poi ti dico che sei "stordito", non ti lamentare.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.