16 novembre 2012

In mutazione

Muto. Forse per diventare più grande. Forse per ricavarmi uno spazio che mi costerà fatica e la fatica di pensarci. Da me. Qualche zoccolo farà la sua granitica parte, qualche piega sarà solo più sgualcita di quel che merito, ma andrò dove voglio e con chi voglio. La composizione scalare di un luogo che avrà la stessa ombra delle mie ciglia e lo stesso silenzioso impianto del mio respiro. Conterrà le pagine che amo e ospiterà chiunque abbia voglia di bussare con grazia alla mia porta. Non so bene. Non ancora, almeno. Eppure conosco l'intento e ciò basta a farmi sentire illuminata.

[foto by Marisja]

32 commenti:

  1. Ti stai costruendo un nuovo abitat che compensi i sussulti delle tue molteplici anime? oppure che riesca a contenerle tutte senza farle cozzare l'una contro l'altra?
    Te lo chiedo perché a me questo esercizio, questa mutazione per citarti, è costato tempo, fatica, lacrime e sangue. Ancora oggi non sono certo di esserci riuscito bene, e forse mi illudo di avercela fatta.
    Ma per chi, come te e come me, ha questa ampiezza di campo di incidenza occorre una enorme biglia trasparente dove traslocare.
    Trasparente dall'interno intendo dire,che ti permetta di vedere senza essere osservata; forse meglio che sia opaca dall'esterno, privata e protetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplicemente: sto mettendo su una casa tutta mia.
      Un progetto nuovo, stra-ordinario, impegnativo ma tutto mio e del mio compagno.

      Elimina
    2. Ti stai costruendo il guscio, come pensavo, anche se non era chiaro ciò che ho scritto; sono un po' sotto stress da un paio di giorni, scusa.
      Altrove, proprio oggi, hai scritto che moriresti senza il buio della notte, cito a memoria.
      Dentro il tuo guscio poi stare al buio di giorno e in piena luce di notte, sei tu che condizioni luce e buio, perché la biglia è trasparente dall'interno ma non permette a nessuno di guardar dentro, data la sua opacità.
      Auguri di buona fabbricazione.

      Elimina
    3. Ed è proprio ciò che farò, Vincenzo.
      Creare le condizioni di vita più giuste per me. Ci vorrà ancora un po', solo un po', di tempo.

      Grazie.

      Elimina
  2. I mutamenti servono, ma non bisogna mai provare ad intaccare la propria natura. Ne moriresti. Buona giornata mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia natura non si intacca.
      Non so se sia una fortuna o una condanna.

      Serena giornata a te, Agart.

      Elimina
  3. scelta/cambiamento importante e difficile. spero vada tutto bene. anche per me sono momenti importanti, con l'ormai definitivo abbandono dell'italia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che anche tu stai vivendo delle "mutazioni" in questo periodo. Forse ancora più profonde delle mie.
      Ma non avevo capito che stavi maturando l'idea di lasciare l'Italia.

      Mi dirai...

      Elimina
    2. Sì, niente più Italia in maniera definitiva.

      :9

      Elimina
    3. ormai sì, la mia ragazza ha preso un permesso che la parifica agli svizzeri tranne che per la possibilità di voto e la nazionalità ma fra tempo qualche comincerà probabilmente a studiare per prenderla....e così alla fine il presente e il possibile futuro si svilupperanno molto probabilmente fuori dall'italia.

      Elimina
    4. Mi sembra una prospettiva allettante.
      Coglietela al volo, ragazzi!

      Elimina
  4. Toc-toc, è permesso? Più grazia di così.
    Scusa le assenze, sono stato impegnato in vicende burocratiche per partecipare ad un concorso. Se entrerò in graduatoria potrò partecipare ad un corso per operatore socio sanitario, qui a Teramo, speriamo bene.

    PS sto aggiustando il blog su libero per dedicarlo alle letture, gli ho cambiato il nome e ho inserito un po' di opere d'arte di Egon Schiele. Magari accetto consigli da parte tua per l'aspetto. Sono pronto a critiche ;-).

    Scusa se ho parlato troppo solo di me. Ci conosciamo da un bel po' adesso, giusto? Mi fa sempre più piacere. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sei aggraziato!
      Sorrido...

      Anche io sono piuttosto assente in questi giorni, ma sono davvero presa da tutt'altro. Tornerò ai miei soliti ritmi appena possibile.

      In bocca al lupo per il concorso. Spero sia quello che avresti voluto fare, a prescindere da tutto.

      Ho visto il tuo blog. Sei partito da Mann. E mi sembra un inizio interessante. Vai avanti e mi raccomando: costanza ed intelligenza!

      Elimina
  5. e io che pensavo che parlassi di un nuovo blog!
    invece una nuova casa, leggo. bene, bene:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, nessun nuovo blog. In generale sono piuttosto metodica: vado avanti fino a quando non interviene qualche intollerabile forzatura. A quel punto spazzo via tutto e ricostruisco daccapo.

      In questo caso no. Si tratta di una nuova casa.
      Hai letto bene!

      Elimina
  6. anch'io ho pensato ad un nuovo bloggo!

    Se parli di una casa, allora stiamo attuando lo stesso, grande, importante cambiamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, carissima.
      Come ho scritto a teti, non mollo un blog tanto facilmente.

      Siamo entrambe impegnate sullo stesso fronte. In mutazione, evidentemente.
      Io arrivo alla sera e sono sfinita.
      Per te è lo stesso?

      Elimina
  7. se ti senti illuminata allora puoi scalare le montagne ...
    evvai euri, buona arrampicata!
    pensa che io oggi mi sento spenta con uno sputo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie silvia!
      L'arrampicata è davvero faticosa, ma posso farcela.

      Spenta come uno sputo?
      Non avevo mai pensato che gli sputi potessero essere spenti. Ma l'idea non è male!
      Coraggio donna.

      Elimina
    2. veramente avevo scritto spenta CON uno sputo :)))))))))

      Elimina
    3. Sono un tantino "rinco" di recente. Abbi pazienza... rido!

      Elimina
    4. @ Silvia.
      Correggi Sivia: spenta COME una sputo è una poesia in una parola.

      @Euri.
      Uno sputo mentre esce dalla bocca è vivido e folgorante, specie se indirizzato su un'altrui faccia, quindi lucente e acceso.
      Se plana in terra, per difetto di mira o abilità
      di schivata del destinatario, allora perde il suo vigore dirompente e si spegne.
      Meditate genti, meditate.:))

      Elimina
    5. ahahah avevo letto anch'io spenta come uno sputo e l'avevo trovata fantastica:)

      Elimina
    6. Meno male!
      Spenta come uno sputo è spettacolare.

      Elimina
    7. ma io ero stata DAVVERO spenta CON uno sputo, scusate!!!
      metaforico, ma pur sempre uno sputo!

      Elimina
    8. Mi sembra legittimo, silvia.
      Solo che a noi piaceva la versione sbagliata, abbi pazienza... sorrido!

      Elimina
  8. Arrivano questi momenti in cui per motivi a volte insondabili, non sei più quello di prima e non sai esattamente cosa sei diventato. Io credo che tu possa solo migliorare, se ti va tienimi presente. In bocca al lupo per tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo migliorare? Dici?
      Non so...

      Per ora faccio solo un sacco di lavoro. Ma ne vale davvero la pena.
      E, "viva" il lupo. Siempre!

      Elimina
  9. Occhio Euri che vengo a bussare! (Sono molto contento per te, cara, te l'ho già detto e te lo ridico di nuovo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Occhio je che apro la porta!

      So che sei contento per me e non sai quanto mi piaccia l'idea. Detto e ri-detto.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.