1 settembre 2012

Il pianto del pupo

Il pupo piange. Ha l'attimo del pianto, dice la sua mamma. Il problema è che quell'attimo dura venti o trenta minuti, quando va bene. Pur non volendo, si sente ugualmente. Di suo fratello (il bimbo che ha ingoiato un'aquila) avevo già parlato in un passato post. Buon sangue non mente e se il maggiore, di poco ma pur sempre maggiore, emetteva grida lancinanti capaci di contorcere i nervi di un santo, il più piccolo piange e si lagna per motivi che nessuno, a quanto pare, riesce a comprendere E' in braccio e piange, gattona per terra e piange, gioca e piange. I suoi genitori, per calmarlo (!), urlano come matti. Dov'è che posso affittare dei nuovi vicini?

[foto by Kleemass]

12 commenti:

  1. forse sperare che facciano il terzo e che la casa risulti piccola così che si trasferiscano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima idea!
      Allora devo sperare in una terza gravidanza... e se poi non si trasferiscono?
      Angosciante.

      Elimina
    2. terza gravidanza plurigemellare? :)

      Elimina
  2. Quando sento il pianto di un bambino mi si stringe il cuore ... più che un moto di compassione per lui, credo che si tratti molto più egoisticamente di un risveglio mnemonico, un segnale d'allarme di tutte le fibre del mio essere al ricordo dei pianti di mio figlio, che sapeva fare solo due cose, piangere e mangiare, e di dormnire neanche a pensarci.
    Certo che il sistema adottato dai tuoi vicini non dà l'idea di essere una strategia vincente :)
    Coraggio, crescerà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Durante queste lunghe giornate di sole (più o meno atroce) la lieta famigliola suole trascorrere praticamente ogni istante nel cortile o sul terrazzo della propria casa. Non puoi immaginare il supplizio quotidiano: il pupo che piagnucola ininterrottamente. Per fortuna che durante la notte dormono all'interno della casa!

      Elimina
  3. Ma che giochi gli fanno fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah... non lo so je. Io so solo che in certi momenti vorrei trasferirmi altrove.

      Elimina
  4. Pensa che qui da noi c'è il figlio di una coppia tamil che è la disperazione di tutto il palazzo (34 famiglie più o meno), urla e piange sempre, tranne quando lo portano in giardino. Non so come ma la mia ragazza che fa paura a tutti i bambini è riesce sempre a farlo smettere anche solo con le boccacce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua ragazza fa paura ai bambini?
      Strano... nemmeno io li spavento!
      Comunque tra quel bimbo strillone e la tua ragazza deve esserci uno strano, magico fluido.

      Elimina
  5. Ha la faccia truce di suo la mia ragazza.

    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non ci credo nemmeno se la vedo!
      Sorrido...

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.