4 luglio 2012

Quei nulla che non fanno la storia

Ci sono dei nulla che non fanno la storia né trascinano le stelle in terra. Sono dei nulla che arrivano un giorno qualunque, tracimante d'estate. Quando magari pedali pensando al peggio, tra file di spighe troppo gialle e ombre veloci a sfiorarti le caviglie e i pensieri. Quel nulla si accorge che ne hai bisogno e ti solleva gli occhi a guardare un po' meglio. E ti porta ad indossare una faccia che hai solo mantenuto in silenzio fino a trovare una risposta benefica. Ed è proprio allora che quel nulla sa di prodigio. Non fanno la storia né trascinano le stelle in terra, quei nulla, ma possono baciarti in fronte e regalarti un giorno che non ti aspettavi.

[foto by anna-earwen]

17 commenti:

  1. a volte le cose semplici sono ancora le migliori e certe risposte talmente banali e scontate ma...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eeeeeeeeeeeeeeeesatto.
      com'era? "chiedete e vi sarà dato"

      Elimina
    2. Proprio così
      Non che funzioni sempre, ma ogni tanto può bastare.

      Elimina
  2. mi ci ritrovo tutta intera in questo post. e non sai quanto ho avuto e ho bisogno di quei nulla.blimund.a

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per chi si accontenta delle piccolezze, quel nulla è fondamentale.

      Elimina
    2. soprattutto quando sei in mezzo ad un dolore grande e hai bisogno di riappacificarti con la vita in qualsiasi modo. blimund.a

      Elimina
    3. Se quei nulla servono a spezzare un dolore o a lenirlo anche solo per qualche istante, direi che non sono fondamentali ma diventano vitali.

      Elimina
  3. La mia vita, a pensarci bene, è una stradina di campagna terrosa, arida metà dell'anno e melmosa l'altra metà.
    Qua e là son capitati dei nulla, che ad altri non servivano a nulla, ma a me hanno permesso di percorrere la mia stradina senza impolverarmi fino agli occhi o inzaccherarmi fino ai capelli; come sassetti lisci dove poggiare i piedi.È bastato finora.
    Se provi a riflettere anche noi, tutti insieme, siamo tanti nulla sul percorso scelto da Dio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che molto dipenda dai punti di vista e dalla sensibilità di ognuno di noi.

      Elimina
    2. Come dire: bisogna sapersi accontentare a prescindere. Non amo molto accontentarmi, ma a volte è l'unica soluzione attuabile.

      Elimina
    3. Neanche a me piace accontentarmi, soprattutto se vorrei tutt'altro. Ma in certi momenti ci si rende conto che si è contenti proprio ac-contentandosi.

      Elimina
  4. scommetto che ti riferisci alla particella di dio:)
    chi lo avrebbe mai pensato!
    ora si potrà dire: dio c'è!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, su questo andiamoci piano...

      Elimina
    2. Non so nulla della particella di dio.
      Ne parlano parecchio in questi giorni, ma sono ignorante per questo parlavo d'altro.

      Elimina
  5. Sono forse” i momenti perfetti” di cui parlava Sartre? Quei momenti in fondo di magica spensieratezza. Molto belle le immagini naturali che usi, mi hai fatto veramente entrare nel ricordo di certe biciclettate. Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O i momenti "stellari" di cui parlava Zweig?
      Non so.
      Sono quei piccoli momenti in cui qualcosa diventa più leggero e vivibile.

      Sto per andrare in bici, per l'appunto.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.