4 ottobre 2011

Belonefobia

Le paure servono a ricordarci la misura di ciò che siamo e di ciò che non possiamo essere. Non mi fido mai di chi non teme nulla perché, come disse qualcuno di cui ho perso memoria, chi non ha paura o è pazzo o è in cattiva fede. Tra i miei incubi incontrollabili c'è quello degli aghi. Poiché l'idea che una sottilissima linea di metallo si conficchi nella carne viva mi dà raccapriccio. E' fobia allo stato puro: belonefobia, dicono quelli che se ne intendono. Mi lascio sedurre da una parola insolita che, come molte altre, si porta dentro un frammento di Grecia e mi tengo il terrore degli aghi.

[foto by Alisoonx]


4 commenti:

  1. Questo vuol dire solo che non ti buchi, ma che ti droghi, c'ho le prove
    Basilico

    RispondiElimina
  2. Ho ascoltato diverse esperienze di persone che si sono conficcate un ago nella carne. Qualcuna mi diceva che quella rigida e sottile serpe si spostava anche da un punto all'altro. Il solo pensiero mi portava i brividi,un po' come osservare quella foto subito dopo aver letto la tua fobia. Pero' dai,spero che ti sottoponga alle analisi con uno spirito diverso.Lì sembra essere tutto sotto controllo.

    PS ho scritto un post.Grazie per come vieni sempre a farmi visita nonostante non ci trovi niente di nuovo.Ti abbraccio

    RispondiElimina
  3. A dire il vero mi riferivo ad operazioni molto meno cruente come punture o tatuaggi, per esempio.

    Ho letto il tuo post.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.