1 agosto 2011

Quel che non serve spiegare

Se devo dirlo allora non vale nemmeno pensarlo. Esiste un circuito di idee che bratulizzano i sensi, rapide come flash. Che vanno afferrate al volo senza nemmeno perdersi in fiato. Così. Fulminee, taglienti, istantanee. Percezioni e attimi che segnano solo le ombre di uno sguardo, che fluiscono nell'empatia di un cenno e non pretendono comprensione perché sono nati già compresi. Uno bravo le chiamava affinità elettive. E ci sono. Le ho assestate per bene sotto le palpebre e in quel rumore senza suoni che arriva da un movimento di ciglia e un impercettibile incresparsi di labbra.

[foto by intao]


12 commenti:

  1. Cara Euridice,volevo salutarti perchè parto per le vacanze.Mi mancherai tantissimo come mi sei mancata in questi giorni in cui non ho potuto leggere i tutoi nobili pensieri. Dispiace molto anche a me per Agota,la scrittrice del bellissimo e crudele "trilogia della città di K". Bello leggere le premure per i tuoi nipoti,ad ottobre anche io diventerò zio e ti comprendero' piu' che mai. Un abbraccio fortissimo. Buone vacanze anche per te,un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Grazie per essere passato a salutarmi, Veil.
    Spero che le tue vacanze siano rilassanti, divertenti e che tu possa scoprire cose nuove ed interessanti. Al tuo ritorno, forse, avrai voglia di scriverne e raccontarle.
    La morte di Agota è stata terribile per me che l'amo tanto. Ma continuerò a parlare di lei in ogni modo.
    Sarai uno zio dolcissimo e premuroso, ne sono sicura!

    Buona vacanza Veil...
    Una carezza.

    RispondiElimina
  3. quanto sono rare le affinità elettive.e più sono rare più sono preziose

    RispondiElimina
  4. Rarissime.
    Quasi introvabili.
    E serve anche fortuna.

    RispondiElimina
  5. Hai ragione, occorre aver fortuna per poter "sentire" un'affinità elettiva.
    E, quando questa fortuna accade, si sperimenta una pienezza, un calore, inesprimibili.

    RispondiElimina
  6. Sì, Fiore. Peccato però che a volte la si sottovaluti pensando di poterla sostituire.

    RispondiElimina
  7. Gioielli rari che a volte diamo per scontati.

    RispondiElimina
  8. Come sostituire quella sicurezza impalpabile di aver trovato un essere che possa capirci senza parole? quell'istinto quasi sevaggio e "lupesco", che è come un annusare e riconoscere un odore che pare ci appartenga??

    RispondiElimina
  9. @ espe: troppo per scontati. Sì.

    RispondiElimina
  10. @ Fiore: non si può sostituire, mia cara.

    RispondiElimina
  11. Euri’, non vorrei sfatarti un mito, ma sai quelle “percezioni e attimi che segnano solo le ombre di uno sguardo, che fluiscono nell’empatia di un cenno e non pretendono comprensione perché sono nati già compresi”? Le sai ?
    Ecco, non vorrei dirtelo così, ma… il più delle volte è tutto culo. E quel che resta, “esperienza comune”. Poi il desiderio di qualcuno che ci capisca amplifica il tutto ed ecco qua l’empatia formato famiglia.
    P.S. bada bene, ho detto “il più delle volte”, non sempre.
    Ecco. Spero di non averti smontato il mito femminile del: “Non hai bisogno del manuale delle istruzioni: tu mi senti!”
    Basilico

    RispondiElimina
  12. Il tuo cinismo è terrificante!
    Santo cielo.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.