23 maggio 2011

Figli troppo figli

Cresciuti fuori. Formalmente adulti eppure figli eterni di genitori onnipresenti. Figli a loro volta genitori, ma sistematicamente rimpiazzati da controfigure di nonni dal ruolo duplicato. La crescita sembra avvenuta secondo le note regole ancestrali eppure certi figli non smettono di essere figli anche quando la vita chiede loro di vestire sul serio le vesti che hanno scelto di indossare. Padri e madri senza alcuna delega, presi dai giochi avvincenti di individualità ristrette. Passaggi di consegna mai effettuati tra genitori ancora troppo genitori e figli ancora troppo figli.

[foto by hakanaydogan]

16 commenti:

  1. Sono d'accordo. E sono in aumento.

    RispondiElimina
  2. Ne vedo parecchi attorno a me. E temo che saranno sempre di più.

    RispondiElimina
  3. Ti rispondo con una cit. ''Passano gli anni, i mesi, e se li conti anche i minuti, è triste trovarsi adulti senza essere cresciuti.''
    (F.De Andrè)
    Io purtroppo mi sento tra loro...grande fuori e anche dentro..ma purtroppo non autonoma economicamente, e quindi sempre e solo figlia per il momento..ma con la voglia di passare presto di livello!

    RispondiElimina
  4. Qualcuno non ha saputo aiutarli a crescere e assumersi delle responsabilità, purtroppo.

    RispondiElimina
  5. @ Artemisia: la canzone di De André parlava di un giudice nano.

    Il mio post non si riferisce alle persone (e siamo in tante) che non possono raggiungere l'autonomia che vorrebbero perché non hanno un lavoro stabile. E' riferito a tutti quei genitori (più o meno della tua o mia età) che non rinunciano a nulla della loro vita da figli. Vedo alcune donne di mia conoscenza mettere al mondo figli per poi lasciarli crescere dalle nonne.

    RispondiElimina
  6. @ espe: sì, hai ragione. Credo che, arrivati ad un certo punto, i genitori debbano lasciare il peso di certe azioni e di certe responsabilità ai loro figli. Come è giusto che sia. Ma come spesso non avviene. Per cui si trovano ragazzi di ultra trentenni che non sono capaci di fare quasi nulla senza l'aiuto dei genitori.

    RispondiElimina
  7. Assolutamente vero. Io sono andata via di casa a 16 anni e mezzo e ancora non ho procreato. Non perché non volessi ma per "coscienza". xxx

    RispondiElimina
  8. @ Emma: sedici anni e mezzo!?
    Santa pace... un fenomeno.

    RispondiElimina
  9. Ciao, si.. so di chi parla la canzone di De Andrè...ma l'estratto che ho riportato, incarnava il mio pensiero...in merito alle parole che ho aggiunto dopo la citazione..
    Forse ho frainteso in parte il tuo post...

    E' vero, è un errore far nascere una vita e poi non stargli abbastanza vicino, ma spesso lo si fa anche per dargli un futuro migliore...Se poi i bambini fanno a loro volta bambini ..è un'altra storia..
    A presto, Artemisia

    RispondiElimina
  10. Che vuoi, Euridice, è la new generation: schermi al plasma e pappa Plasmon.
    E comunque fa' vede'... è "sì", Euridi', Plasmon: "sì"

    RispondiElimina
  11. Sono stata un fenomeno "forzato". Spinta dallo spirito di sopravvivenza :)

    RispondiElimina
  12. @ Artemisia: immaginavo che conoscessi il giudice di cui parla De André, altrimenti non l'avresti citato.

    Mettere al mondo dei figli NON può essere la risposta ad un capriccio momentaneo o l'esigenza fisiologica di un'età che procede in fretta. Il problema è che per molti i figli sembrano proprio questo!

    RispondiElimina
  13. @ basilico: Plasmon sì? Ma sei proprio sicuro?

    RispondiElimina
  14. @ Emma: probabilmente è l'unico buon motivo per andarsene a sedici anni da casa.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.