14 dicembre 2010

Politicanti

In fondo non mi stupisce, ma sono comunque arrabbiata. Non serve a niente, ma sono arrabbiata lo stesso. Nemmeno riempire di insulti le due "eroine" di quest'orrido giorno ha placato i miei furori. Nemmeno ricordare a me stessa che quelli, seduti nelle comode poltrone, ignorano bellamente i problemi, le proteste e la disapprovazione della gente. Politicanti e non politici, precisiamo. Venduti al miglior offerente. Gentaglia della peggior risma. Non mi stupirò se la violenza supererà la ragione.

[foto by Izaaaaa]

11 commenti:

  1. Non abbiamo più nessuna speranza se ci affideremo a loro.Il popolo si dice sia sovrano ma in effetti è soltanto tanta gente che copre il ruolo di sudditi.Non c'è piu' la passione per fare qualcosa per il proprio paese,c'è solo e sempre sete di denaro e potere.E dopo due anni e mezzo di inutile mandato percepiscono anche pensioni a vita da capogiro.Cada o no il governo,gli bastano due anni e mezzo per prendere un super enalotto a vita.Sono sempre più indignato.

    RispondiElimina
  2. Se la violenza supererà la ragione lui non morirà. La ragione, la mia almeno, vuole una violenza mirata. Molto mirata. Non ho mai odiato tanto come di 'sti tempi.
    Ciao Euri. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  3. @ Veil, le speranze sono morte da tempo. Ieri ne abbiamo avuto la prova concreta. I sudditi non siamo solo noi, mortali senza potere, ma sono anche quei servi che, in sede parlamentare, hanno accettato le lusinghe del sire e si sono venduti a lui per tornaconti molto personali.
    La pensione a vita è, forse, il male minore in mezzo a tutto questo marciume.
    Io sono un misto tra disgustata, infuriata, nauseata, irritata, stanca e...

    RispondiElimina
  4. @ Je_est: grazie per l'abbraccio, Je. Che ricambio con piacere.
    Capisco il tuo stato d'animo e, forse, per certi versi, somiglia al mio e a quello di milioni di altri italiani che non ce la fanno più a tollerare tutto questo.
    La violenza non è mai una risposta né una soluzione, ma il mio timore è che sarà proprio la strada che in molti (quelli più stanchi e schifati) prenderanno.

    RispondiElimina
  5. Sai Euridice,quando non lavoro,come in questi giorni,vengo a leggerti più volte durante il giorno.Lo faccio perchè mi sento in tua compagnia,perchè anche eventi giornalieri sono raccontati da te in modo piacevole.Ogni tanto vengo anche per trovare delle idee,ma la mia lampadina mentale è fioca o quasi fulminata.Volevo scrivere un post su Greta Garbo (che adoro) come tu hai fatto per Van Gogh ma non esce una goccia di succo da questa spremitura :-( .Perdona le mie incursioni poco relative a ciò che scrivi,ma da quando hai cambiato casa non posso bussare più alla tua porta (la messaggeria)come facevo prima.

    RispondiElimina
  6. Visto che non lavori, caro Veil, potresti fare cose più interessanti che venire a leggere le scemenze che vado scrivendo...
    Ci sono libri, film, facce e cuori che valgono la tua attenzione. E poi: non c'è niente da spremere quando si scrive. Arriva e basta, come una piccolo onda chiara.

    N.B. Guarda la tua messaggeria!

    RispondiElimina
  7. Il puffo dormiglione si è imbarcato lo scarto dello scarto dell'inutilità politica, ha fatto i numerini comprando pezze di popò cucite a traballanti poltroncine. Un patchwork di miserabili, corrotti e congiurati. Dittatura light per cittadini sciocchi e distratti. Un bel guaio.

    RispondiElimina
  8. @ Anonimo: tanto dormiglione, quel puffo non mi sembra, anzi. Fa il sornione ma sa benissimo come arrivare dove vuole e quali mezzi usare per avere dalla sua parte chi gli fa più comodo. D'altro canto sono sistemi che usa da sempre ed ovunque. A furia di sfruttarli li ha trasformati in meccanismi legittimi e "normali". Il dramma è che moltissimi "sudditi", ormai, la pensano allo stesso modo e credono che delinquere sia la norma...

    RispondiElimina
  9. Per dirla tutta, sono stanco, Euridice.
    E’ inutile che mi esprima, tanto sai come la penso in proposito e anche che non serve a nulla, finché greggi di pecore votanti (purtroppo) continueranno a seguire il “buon pastore”.
    E’ inutile continuare a dire che il pesce puzza dalla testa: non è vero, le sue stesse cellule sono avariate.
    Ora: io non devo nulla ad alcuno dei 60 milioni di italiani che compongono questo paese, nonostante ciò continuo a discutere e ad arrabbiarmi ogni volta che la situazione italiana ritorna in ballo e sinceramente sto cominciando a chiedermene il perché. Perché continuare a farmi il sangue amaro in questo modo? E sì che ne ho di cazzi miei da far quadrare.
    “Qualcuno” una volta disse che “quelli di sinistra sono tutti coglioni”. Be’, io, coglione, ci sono nato e da un piano antropologicamente oggettivo non mi sento di dargli torto: a livello evolutivo il coglione o fa il salto della specie (lo cosiddetto “zompo”) o è inevitabilmente destinato all’estinzione.
    Basilico

    RispondiElimina
  10. @ Basilico: sono stanca anche io, ma mi arrabbio lo stesso. L'ho scritto: non serve a niente. Io, te, tanti altri ci rodiamo il fegato e ci chiediamo se così tante persone possano essere così cieche e sorde. Eppure sì, lo sono.

    Capezzone lo "zompo" l'ha fatto. Sorrido...

    RispondiElimina
  11. "Non mi stupirò se la violenza supererà la ragione" Nemmeno io.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.