20 luglio 2018

Perdute appartenenze

Ci sono mondi a cui non appartengo più: vite che non mi somigliano, voci che non riconosco, spazi che non so distinguere. Non più. Non come facevo un tempo. E quando accade di ritrovarmi lì dove ho trascorso buone porzioni di esistenza, accanto a persone che una volta erano la mia quotidianità, mi sento disperatamente distante. Erano loro i miei giorni, erano questi i miei luoghi, erano questi i suoni? Non so dirlo. Appartenenze che rintraccio solo nei ricordi ma che mancano al di fuori della mia mente perché tutto è mutato senza mutare affatto. Osservo ogni cosa senza stupore e si fa urgente in me il desiderio sfrontato di andarmene senza far alcun rumore.

[foto by edredon]

16 commenti:

  1. Ho sempre invidiato le "appartenenze" di amici e conoscenti: quelli che avevano il "paese", dove scappare e rifugiarsi tanto per spezzare i ritmi. Che poi, un giorno, diventino perdute, ci sta pure, perché come esattamente sottolinei, molte cose e persone "mutano senza mutare affatto", perché è il nostro sguardo a cambiare, le nostre aspettative, i nostri riferimenti. Chissà se è un bene o un male.. non lo saprò mai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In città molto grandi non esistono, temo, vere appartenenze. Le persone si conoscono e si perdono in fretta. Nei paesini, invece, le appartenenze restano vive per sempre. Ci sono, le riconosco e le sento eppure, nel momento in cui torno a certe "abitudini" mi rendo conto che non sono più mie. Hai ragione: è colpa di uno sguardo diverso, di una percezione altra, di riferimenti cambiati.

      Elimina
  2. Mi sembra di capire che la perdita di queste appartenenze non è dovuta alla casualità della vita ma ad un mutare di mentalità nostro, ciò che ci piaceva non ci piace più, addirittura ci stupiamo di come potessero piacerci certi ambienti e certi personaggi che solo ora vediamo nella loro vera luce un po’ patetica.
    (Uso il noi come segno di condivisione)
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo sfumare di certe appartenenze deriva principalmente da un mutamento avvenuto in noi. Il resto è quel che è e deve essere ma lo osserviamo da una prospettiva che prima non c'era.
      (Il noi va benissimo!)

      Elimina
  3. mi accadeva una cosa simile quando passavo davanti alla libreria in cui lavoravo, che oggi è ben altro;
    mi piace pensare che quei mondi li ho abbandonati, come navi lasciate in deriva e mai ci tornerei, questo mitiga il senso di appartenenza passata, formulato come vaga malinconia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono luoghi in cui non si tornerà mai. Perché è naturale che vadano dispersi ma che rimangano intatti solo nella nostra memoria. Una dimensione spazio-temporale che rimane quel che è stata solo dentro di noi.

      Elimina
  4. finchè i mondi abbandonati vengono rimpiazzati con nuove dimensioni, direi che va tutto bene... il guaio è quando quelli conosciuti smettono di piacere e le alternative sono poco interessanti...
    un po' come succede quando si invecchia e si finisce tra confini sempre più angusti fino all'ultimo angolino per poi andarsene del tutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I mondi di solito si sovrappongono e si mescolano ma non spariscono mai del tutto.
      Quando si smette di amare quel che c'è, inizia il male di vivere e una solitudine non desiderata.

      Elimina
  5. Erano loro i miei giorni...?
    Sì, lo erano. Ci furono anche per me e uso il passato remoto: ci furono posti, suoni e persone. Persone che, ancora vive, per me non esistono più; posti che nella mia mente, e solo lì, esistono ancora, avvolti nella nebbia.
    Adesso c'è un'altra vita, un'altra Marzia.
    E a volte convivo con me stessa come fossi un'estranea...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci pensavo pochissimi giorni fa: persone anche fondamentali che non esistono più. Meglio, esistono perché vive e vegete ma "morte" perché ormai distanti e assenti da tempo immemore. Vivevano un tempo, ora non più.

      Elimina
  6. Forse è per questo che non sono mai veramente andato via del tutto dal natìo borgo. Perchè ancora sento che non voglio perdere del tutto, il posto e le radici e le persone da dove vengo.

    RispondiElimina
  7. Io invece mi sento tutto una nostalgia vaga, non del passato o del futuro, ma una nostalgia del presente, anonima, prolissa e incompresa. Cit.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In quel preciso momento l'uomo si disse:
      che cosa non darei per la gioia
      di stare al tuo fianco in Islanda
      sotto il gran giorno immobile
      e condividere l'adesso
      come si condivide la musica
      o il sapore di un frutto.
      In quel preciso momento
      l'uomo stava accanto a lei in Islanda.

      J.L. Borges

      Elimina
    2. Grazie.
      Borges si che la sapeva lunga.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.