23 aprile 2018

Messaggio al piromane

Sai, sono salita tra gli alberi che hai incenerito la scorsa estate. Ho camminato tra i resti di una vegetazione che non esiste più, tra sassi che pulsano a terra bianchi come denti da latte, tra rami precipitati come scheletri vuoti. Vorrei tanto che facessi come me, lasciandoti respirare a lungo il respiro di tutto quello che la tua immensa idiozia ha devastato. Perché ci sono ancora cortecce che crepitano e terra annerita dal passaggio del fuoco. Il fuoco che tu hai generato forse per spasso o per banale disgusto. Una montagna è morta per causa tua e non c'è rimedio. Augurarti ogni male non è abbastanza, non lo sarà mai.

[foto by Gloom82]

10 commenti:

  1. Mi è capitato in Corsica di passeggiare, come stonato, tra i resti di un bosco in fumo. Fumo irrimediabile, spazio vuoto senza più fruscii o vento a nascondersi. Una zona rossa, da far male al cuore e all'occhio. C'è ancora tanta gente col cuore di latta, o forse solo un muscolo, un povero, arido, muscolo.
    Bruciato anch'esso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camminare tra i resti di un bosco distrutto da un incendio è un'esperienza terrificante. Almeno: lo è per chi capisce e sente quanto un albero sia fondamentale.
      C'è gente che non solo non ha cuore ma, soprattutto, non ha più alcuna traccia di cervello.

      Elimina
  2. Io invece vedo con costanza qui a Lugano le due montagne piu' vicine al lago erose costantemente da nuove ville, residenze signorili, alberghi esclusivi. Un vero disastro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono forme di violenza anche quelle. Meno plateali di un incendio ma altrettanto devastanti.

      Elimina
  3. Distruggere e sporcare, è un'ottica che mi è difficile capire, eppure sono in molti a percorrerla non saprei quanto coscientemente. Mi sono sempre chiesto se queste persone vadano mai nei boschi per passeggiare, perché trovo inspiegabile aver piacere a fare una cosa e poi distruggere l'ambiente in cui la si fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se i piromani vadano a camminare nei boschi. In ogni caso credo che a loro interessi poco l'entità dei danni che causano. Distruggono e ne godono.

      Elimina
    2. beh direi che per appiccare l'incendio almeno una volta nel bosco ci passano. Tolto questo credo ci siano anche interessi più reconditi nell'atto dell'incendio di un bosco.

      Elimina
    3. Immagino che a loro non serva neppure passarci nel bosco. Basta che si avvicinino.
      Nel caso di cui parlo, più che un bosco il tizio ha mandato a fuoco un'intera montagna, alberi compresi. Fino ad avvicinare le fiamme alle persone e alle loro abitazioni. Una situazione che in tanti, l'estate scorsa, hanno vissuto.

      Elimina
  4. Uno spettacolo desolante che suscita tristezza e rabbia. E per di piu speeso si tratta di un crimine perpetrato per futili motivi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I motivi non sono neppure futili. I motivi per lo più non esistono. È questo il problema più angosciante.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.