16 marzo 2018

Sogni impicciati

Di sogni ne faccio parecchi. Soprattutto quando dormo. Ne ricordo molti ma, più di tutto, al risveglio mi rimane addosso quel vischioso miscuglio di sensazioni e impronte e vapore e schegge che, a palpebre chiuse, mi sono balzati dentro. Ci sono sogni dritti come film, con facce che non conosco e colori che rimbalzano nella luce. Ci sono sogni di senso e sogni di commovente nostalgia. Poi ci sono anche i sogni impicciati, come dice mia madre. Quelli senza capo né coda né corpo né vene. Un groviglio che sgorga da qualche precipizio, che confonde lo spirito e mi lascia senza ragione. Sogni privi di verso che fanno di me quel che vogliono. Insopportabili.

[foto by monokowalla]

6 commenti:

  1. Stanotte ho sognato un aquilone. Praticamente un sogno dove ero su una spiaggia e guardavo un aquilone volare. Nient'altro. Poi subito dopo un incubo tremendo che mi ha tolto il sonno fino al momento di alzarmi per andare al lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stanotte ho avuto mal di pancia (colpa delle fragole con panna e cioccolato...) e sono stata sveglia per un pezzo. Però so di aver sognato nei momenti in cui dormivo. Cosa? Boh...

      Elimina
  2. Spesso i miei sogni svaniscono, e di quell' "impicciato" cui fai cenno non resta, appunto, che un groviglio sfumato di sensazioni, destinato a sparire. La qual cosa mi dispiace molto, forse il mio io coscienzioso non reputa di vitale importanza certe memorie. O forse le cela appositamente. Per evitarmi ulteriori traumi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece quando faccio sogni impicciati, quella sensazione di fastidio e di confusione non svanisce, mi resta in testa e attorno per tutto il giorno o anche di più.

      Elimina
  3. Al 99% i miei sono tutti impicciati, uffa!

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.