8 marzo 2018

Di donne e di libri

Leggiamo di più, noi donne. E di libri scritti da donne per raccontare altre donne ce ne sono molti. Approfitto dell'8 marzo per suggerirne qualcuno. Tra i tanti "Le assaggiatrici" di Rosella Postorino e "La masnà" di Raffaella Romagnolo. Mi hanno affascinato "Un'italiana alla corte di Francia" di Maria Giuseppina Muzzarelli e "L'imperfetta" della Scotti. Aggiungo "L'arminuta" di Donatella Di Pietrantonio e "La valle delle donne lupo" della Pariani. Poi "Il morso" di Simona Lo Iacono e "Amanti e regine" della Craveri e "Io non mi chiamo Miriam" di Majgull Axelsson. Non dimentico il controverso "Dio odia le donne" della Sgrena né "L'ultima strega" di Eveline Hasler.

[foto by IndigoSummerr]

14 commenti:

  1. in questo periodo sto leggendo,il ''Diario di una diversa'' di Alda Merini; molto interessante e forse anche in tema con la giornata. Certi passaggi li devo sottolineare per ritrovarli, come questo...

    "Ma allora le leggi erano precise e stava di fatto che ancora nel 1965 la donna era soggetta all’uomo e che l’uomo poteva prendere delle decisioni per ciò che riguardava il suo avvenire.

    Fui quindi internata a mia insaputa, e io nemmeno sapevo dell’esistenza degli ospedali psichiatrici perché non li avevo mai veduti, ma quando mi ci trovai nel mezzo credo che impazzii sul momento stesso, in quanto mi resi conto di essere entrata in un labirinto dal quale avrei fatto molta fatica ad uscire."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho quel libro della Merini e l'ho letto più di una volta.
      Bella scelta Pier!

      Elimina
  2. Hai ragione, voi donne leggete di più. Grazie dei suggerimenti e complimenti per il blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, leggiamo più degli uomini.
      Grazie per i complimenti. Gentilissimo.

      Elimina
  3. Le assaggiatrici lo leggero' fra un po', appena me lo presta mio padre.

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Conosco la tua avversione. Allora arriverà il cartaceo di tuo padre.

      Elimina
    2. E comunque lo leggero' fra qualche mese perché ho una bella lista di arretrati.

      Elimina
    3. Immagino!
      L'importante è che lo leggerai. Poi mi dirai cosa ne pensi. Io ne ho scritto su Lankenauta ma probabilmente lo sai già.

      Elimina
  5. Conosco un'italiana alla corte di Francia e Amanti e regine e mi ispira L'ultima strega. Come vedi sono tutti collegati alla Francia! Comunque bel blog, se ti va di fare un salto dal mio, sei la benvenuta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Amanti e regine" è un libro che racconta la vita di molte donne vissute nel passato: interessante e curioso.
      Grazie per l'apprezzamento. Passerò da te.

      Elimina
  6. Leggo più libri di uomini, lo ammetto, ma poetesse come Merini o la Szymborska raggiungono davvero vette eccelse..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel senso che leggi più scrittori che scrittrici?
      Io, invece, cerco di fare esattamente il contrario e vado sempre alla ricerca di autrici di buoni libri. Di solito non mi deludono.
      Le poetesse che citi sono folgorazioni potentissime.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.