9 gennaio 2018

Dare e dimenticare

Del bene che si fa e si scorda diceva spesso mia nonna e di quel bene fatto e scordato ho già scritto come ho già scritto di molto altro. Mi ripeto le sue parole di saggia ogni giorno o più volte al giorno. Almeno tutte le volte in cui quel che do e quel che faccio viene rapidamente cassato dalla fretta di chi riceve o dalla superficialità di chi ascolta. Non vedo ingratitudine in senso stretto ma, in molti casi, la leggerezza di chi dà troppo per scontato, l'evanescenza di chi scorre senza badare a nulla. Dare e dimenticare di aver dato è la regola ma a volte lascia dentro un velo d'amarezza.

[foto by Alshain4]

10 commenti:

  1. quelli del 'tutto dovuto'... un mio antenato navigante diceva: nove dita per te e un dito per il bastimento.
    Una blanda forma di egoismo, ma quello buono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certe forme di egoismo sono necessarie.
      Altre dovrebbero essere "abolite".

      Elimina
  2. la mia nonna paterna mi invitava sempre a dimenticare le buone cose fatte appena le si faceva. non è che poi lei credesse verramente che esistessero cose buone a questo mondo visto che è stata un'estremista del pessimismo e del nichilismo sin da ragazzina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire di dimenticare il bene fatto, nel mio caso, era la madre di mia madre. Ma lei non è mai stata cinica né pessimista.

      Elimina
  3. Regola saggia e quasi sempre disattesa, seguiamo piu' spesso quella del bottegaio degli affetti con il quaderno a doppia colonna e il lapis dietro l'orecchio (parlo per me, ovviamente)
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E qual è la regola del bottegaio degli affetti?

      Elimina
  4. il bottegaio segna i dati e gli avuti e controlla che siano sempre in pari
    :)
    ml

    RispondiElimina
  5. A tradurre in bella quello che sento? Da giorni ci pensavo a come sia possibile che tutto venga preso e poi accartocciato,come la carta di un Lindt. ma no non ho pensato a velo di tristezza. Più di "fottiti" non son stata capace di andare.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.