24 ottobre 2017

Non m'importa

La verità è che non m'importa. La verità è che ho masticato così a lungo ansia, tristezze e cuore amaro che adesso non posso più permettermi di farmi piegare dai fantasmi di un futuro che non so neppure immaginare. Sarà: basta. Non so cosa, non so chi, non so come e non so nemmeno se, ma sarà. Qualcosa. E sarà perché non sono ancora morta e non sono ancora divenuta quello che voglio diventare. Non m'importa del tempo che servirà perché so che ne servirà abbastanza e non m'importa delle negazioni o dei silenzi che dovrò nuovamente intascare. Sarà: basta. E cerco di farmelo placidamente avanzare.

[foto by MWeiss]

14 commenti:

  1. bel proposito ben espresso. determinazione che prescinde da tutti i "non importa"
    massimolegnani

    RispondiElimina
  2. E' solo il tempo necessario a bloccarmi perchè ne ho poco. Tu devi essere più forte o più pragmatica credo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so come fai a calcolare il tempo che hai.
      Io sono solo un po' più stanca, temo.

      Elimina
  3. Sarà perché già sei.
    E tutto il resto: un bell’echissenefrega!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto di quel che sarà dipende da quel che sono già, hai ragione. Per il resto: amen!

      Elimina
  4. ...mi sembra un'ottima strategia questa del "farsi avanzare il tempo" anche se non semplice da attuare. Sarà che sono caratterialmente portata a decidere o a cercare di farlo piuttosto che perdermi in lamenti e riflessioni sul già avvenuto.
    Pe quanto difficile sia il tuo momento- così credo d'aver capito- la determinazione che mostri nel ragionarne è già un'opportunità, oltre che una via, di uscita.
    Tieni botta, puoi farcela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho scritto di "farmi avanzare il tempo", anzi. C'è da aspettare altro tempo, sicuramente.
      Quello che mi faccio avanzare è il principio che qualcosa, in un modo o nell'altro, in un momento o nell'altro, sarà.

      Elimina
  5. Mi piace la tua decisione. Un taglio netto e l’affiorare di nuovi orizzonti. Ci vogliono carattere, personalità, e aggiungerei chiaroveggenza, tutte cose che non ti mancano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto l'affiorare di un orizzonte a prescindere. Il carattere e la personalità li sto ricompattando poco a poco. La mia chiaroveggenza, a volte, spaventa anche me.

      Elimina
  6. Qualcosa sarà sempre, oltre a quello che è già, e che serve in funzione di. Pianificare e programmare serve, e spesso si realizza, specie quando tutto fila liscio. Poi ci sono gli imprevisti che ti cappottano i "sarà". Ma questo è l'interessante della vita, e serve a crescere, a vedere come reagiamo, e se, reagiamo. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco: mi sto organizzando nella reazione passiva. Nel senso che ho notato che scalpitare, amareggiarsi, arrovellarsi e starci male non serve a nulla.

      Elimina
  7. E fai bene!
    Viviamo qui e adesso perché le ansie per il futuro non ci permettono di godere il presente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vivo qui e adesso perché di ansia non ne posso più!

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.