22 dicembre 2016

Scrivere è

Scrivere (per me) è urgenza ed implosione. E' un circuito che deve uscirmi fuori dai denti o solo fuori dagli occhiali. Scrivere è il mio psicologo e la mia matrigna, la mia gola e il mio intestino. Scrivere è confessarmi, arrabbiarmi e sputare via. E' un moto d'orgoglio o purissimo egoismo. Scrivere è per scrivermi o flagellarmi come diversamente non saprei fare. Miei piedi, mie unghie e mie ali. La mia furia, il mio ricordarmi e la mia voglia di rapire. E' il mio farmi santa o lo scendere negli inferi, è graffiare o stritolare. Scrivere è la carezza che non posso dare o l'insulto che non posso dire. Scrivere è...

[foto by WonderMilkyGirl]

9 commenti:

  1. Un rifugio, per me.
    Intanto buon Natale, bellezza

    RispondiElimina
  2. ..facile, comprendere per alcuni non sempre lo è invece..

    RispondiElimina
  3. ..è come respirare. Non possiamo farne a meno. Anche senza rendercene conto, anche distratti, anche occupati a pensare, ad amare, a dimenticare, a riempirci gli occhi e cuore di meraviglia e poi righe e righe di stupore e curiosità...

    RispondiElimina
  4. Una terapia, un’ancora, una salvezza.

    RispondiElimina
  5. Penso che quando si è felici non si scriva.

    RispondiElimina
  6. Ops, tutti scrittori alquanto vedo.

    Ma guarda te dove sono andata a finire io, straniera dall'italiano vacillante.
    Chiedo pubblicamente scusa per i miei strafalcioni passati, presenti e futuri :-)

    Ma quanto è bello però leggervi...

    Maria

    RispondiElimina
  7. Scrivere è la mia riserva aurea.
    Non lo faccio da un po'.
    Quante cose sono cambiate, quanto tempo dedicato a tutt'altro.

    RispondiElimina
  8. scrivere è anche mentire o raccontare mezze verità o dire verità intere travestite menzogne. Il tutto con la medesima innocenza della distanza che solo la parola scritta ti può dare.
    ml

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.