27 dicembre 2016

Libri dell'anno (secondo me)

Leggo di libri letti nell'anno agli sgoccioli e di persone e personaggi che consigliano le loro letture. Ebbene, visto che di libri ne ho letti parecchi anche io, mi è venuto in mente che potrei suggerire quel che di meglio ho letto. Inizio con "Di questo amore non si deve sapere" di Ritanna Armeni (Ponte alle Grazie). Poi passerei ad uno scrittore di cui amo un po' tutto, Filippo Tuena, e al suo non proprio nuovissimo "Ultimo parallelo", Il Saggiatore. In tempi più recenti, sempre per Il Saggiatore, ho letto "Dio odia le donne" di Giuliana Sgrena e un altro saggio che porta in sé amarezza e meraviglia insieme: "Il cervello autistico" di Temple Grandin e Richard Panek di Adelphi.

[foto by DorottyaS]

14 commenti:

  1. Consiglio a tutti quello che, in una metafora cinematografica, può considerarsi un libro in 3D: La nave di Teseo di V.M. Straka.
    ..e più convenzionalmente, Odifreddi con il Dizionario della stupidità, ma anche De Luca con La natura esposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sbaglio o de "La nave di Teseo" di V.M. Straka avevi già parlato qui in passato?

      Elimina
    2. Può essere... non perdo occasione di citarlo... un must imperdibile...

      Elimina
    3. O forse l'ho letto sul tuo blog...

      Elimina
  2. ecco dei buoni titoli da cercare in biblioteca, quest'anno ho letto molto ma cose del passato, i più recenti sono stati la Trilogia di Larsson.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra i libri che ho indicato solo uno, quello della Sgrena, è del 2016.
      I libri non hanno età!

      Elimina

  3. Tutti libri a me sconosciuti di autori a me sconosciuti ma adesso vado subito a googlarli un attimino, mi son fermato solo per dire che Ritanna è un nome proprio strano, alla sua mamma probabilmente "Annarita" pareva un nome troppo scontato, che poi Annarita sbrevazzato diventa qualcosa tipo 'Nnarì che proprio non si può sentire -non c'è basilicata che tenga- ma l'importante non è capirsi, è rispettarsi, e se vuoi farmi un regalo per l'anno nuovo leggi Comma22 o la Trilogia della città di K, tutta roba vecchia, -ci mancherebbe- io ci arrivo sempre per ultimo e il post sui libri dell'anno l'ho postato quindici minuti fa per far come tutti gli altri, perchè "non troverò da mangiare se sto lontano dal branco", scusa il flusso sgrammaticato tipo henry miller alla tredicesima pinta-e-stasera-non-si-scopa, saluti e auguroni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Agota Kristof è la mia preferita. Ho letto tutto quello che è possibile leggere. La trilogia dieci anni fa, almeno.
      Comma22 non lo conosco, invece.

      Elimina
  4. ne ho letti tanti di belli quest'anno. fra i migliori, quello che mi ha sorpreso maggiormente, è stato "Non ci sono innocenti" di Anna K. Valerio e Silvia Valerio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente non ne ho mai sentito parlare...
      Ma tu sei un pozzo di libri!

      Elimina
  5. Faccio tre titoli: “Uno straniero con, sotto il braccio, un libro di piccolo formato” del poeta franco- egiziano Edmond Jabès, “Serie fossile” di Maria Grazia Calandrone, sempre di poesia, e il saggio “Rimbaud. Speranza e lucidità” di Yves Bonnefoy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da un poeta, ovviamente, tanta poesia.
      Ti ringrazio.

      Elimina
  6. Non ne ho letto nessuno di quelli in elenco, ahimé. cercherò di colmare qualche lacuna.
    Per contro ho letto- tra gli altri - un libricino diun autore sconosciuto (a me) che si è rivelato un romanzo ricco di delicatezza e poesia: La meccanica del cuore, di Mathias Malzieu.

    RispondiElimina
  7. Non avrai letto quelli che indico io, ma avrai di certo letto altri libri di cui io non so nulla.
    Però "La meccanica del cuore" l'ho almeno visto da qualche parte.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.