23 novembre 2016

Mondi mirabolanti

Per un'inestricabile congiuntura di eventi che, tanto per cambiare, non ho avuto alcun potere di mutare né evitare, mi ritrovo a dover parlare ogni giorno con decine di sconosciuti. Sì, quelli che banalmente si definiscono "clienti". Non è la mia arte e non è il mio mestiere eppure mi hanno costretto a far sì che lo diventassero. Vengo a contatto con il mirabolante mondo di chi pone mille domande e vorrebbe miracolose risposte. Un mondo che non mi interessa e non mi affascina. E' pieno di figure confuse e menti senza estro. So parlare e so spiegare: pare abbia persino talento. Ma odio il "pubblico". Mi spinge inesorabilmente verso un silenzio d'abisso.

8 commenti:

  1. in effetti, il mirabolante mondo dei clienti, poi sotto le feste... potrai scrivere migliaia di aneddoti divertenti quanto assurdi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea di scrivere qualcosa sulle assurdità o sulle nevrosi della gente era venuta anche a me.

      Elimina
    2. nell'attesa di leggerli in stile Euridix ti segnalo questo blog sai per la questione mal comune mezzo gaudio (sorrido)

      Elimina
    3. Ah, sì... Lo conoscevo già!

      Elimina
  2. La gente puoi tollerarla in piccole dosi ed osservata da lontano. Più ti avvicini e sei costretto a relazionarti, più vorresti chiuderti in una torre.
    Animali sociali nemmeno per scherzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto: il desiderio di rinchiudermi in una torre è ogni giorno più intenso.

      Elimina
  3. Se hai a che fare con i "clienti", come me del resto, la vedo dura chiudersi in una torre d'avorio tutta nostra. Quella l'ho eretta comunque, per far fronte a ipocrisie e mediocrità che il contatto col pubblico acuisce decisamente. Il problema è che se hai un ruolo di venditore anche, quale è il mio, rischi di calarti in quell'ipocrisia che vorresti debellare e diventare personaggio a tua insaputa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so tu, ma io non ho scelto questo tipo di lavoro. Mi hanno spinto a farlo per sostituire una persona che è andata repentinamente in maternità. Non è la mia professione, sostanzialmente.
      Il contatto con i "clienti", quindi, non è la mia massima aspirazione e non mi dà particolari soddisfazioni. Anche per tale ragione vorrei fuggire nella torre, d'avorio o d'altra sostanza non importa.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.