4 novembre 2016

La noia che mi serve

Ho bisogno di calma. Ho bisogno di una quiete che non ricordo più di che materia sia fatta. Ho bisogno di dormire senza conoscere l'ora esatta in cui dovermi svegliare. Ho bisogno di abbandonare ossessioni che non sono mie e frustrazioni in cui mi tocca annaspare perché non c'è altra scelta. Ho bisogno di perderlo il tempo. Ecco: ho bisogno di noia. Quella che dilata le ore e non le sopprime tra doveri e ansie e corse che di mio non vorrei neppure scegliere. Mi serve la noia che rinfranca e galleggia bianca sopra tutti i pensieri, quella che costruisce desideri e li rende possibili.

[foto by CrazyGirl44]

16 commenti:

  1. Mi trovi profondamente d'accordo: abbiamo bisogno di noia "che costruisce desideri e li rende possibili". Ma abbiamo bisogno anche di un rilassante ozio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che la noia debba passare necessariamente dall'ozio. Quindi avendo bisogno di profondo ozio, punto direttamente al suo prodotto più diretto: la noia.

      Elimina
  2. l'unica è fare una lista di cose da fare e cercare di arrivare a sera senza cancellare niente... a volte capita che dopo qualche giorno le cose rimaste in lista neanche ti ricordi più a cosa servissero:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho tempo neppure per fare la lista della spesa... Infatti dimentico sistematicamente la metà di quel che mi serviva. Rido!

      Elimina
  3. la godibilissima noia ha il solo difetto che prima o poi ti si ritorce contro (per quel che mi riguarda), un boomerang la sensazione di aver perso tempo (quando in realtà lo si è guadagnato)
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, sono prontissima a correre il rischio. E a farmi prendere in piena faccia dal boomerang di cui parli. Almeno per qualche tempo.

      Elimina
  4. Ogni tanto in effetti annoiarsi fa bene, non pensi a niente e la mente si svuota ma paradossalmente ti rinvigorisce ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente: ho bisogno di svuotare la mente, di depositare il cervello da qualche parte e restarmene per conto mio.

      Elimina
  5. Io distinguo tra ozio, beato ozio, e noia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passerei volentieri attraverso i tre stadi: prima semplice ozio che poi si tramuta in qualcosa di beato per poi approdare alla noia che rigenera.

      Elimina
  6. Bella la noia che genera un ri-collegamento con noi stessi. Un tempo indefinito per ascoltarsi, guardarsi in prospettiva e tornare all'essenzialità. Ti auguro di trovarla e di goderne appieno di essa.
    Buon fine settimana ragazza

    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo auguro di cuore anche io. Altrimenti rischio davvero il collasso o l'implosione. E non siamo troppo distanti.

      Grazie Maria.

      Elimina
  7. Mia Euri ho il piacere di postarti questo link http://bicicletterario.blogspot.it/
    Si tratta di un premio letterario unico e particolare.
    Mi piacerebbe tanto se tu partecipassi.
    Un abbraccio, hanabeldirà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna.
      Solitamente non partecipo a premi letterari. Mi arrivano, di tanto in tanto, queste proposte. Ho letto che quello che mi segnali contempli la bicicletta. Amo andare in bici, ma non vedo cosa potrei mai scrivere sulla bicicletta.

      Elimina
  8. Oh tu scriveresti bene anche una lista di parole da non usare. La bicicletta é bellezza e tu scrivendo ne produci tanta. Mi sembrava un ottimo comun denominatore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella proposta! Io sono d'accordo in tutto con Anna, sulla bellezza che sai produrre sopratutto. Dai, coraggio!
      Hai già due fans che fanno il tifo per te :-)

      Maria

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.