28 novembre 2016

E' normale?

E' normale svegliarsi al lunedì con il solo intento di terminare prima possibile la giornata? Anzi, l'intera settimana? E' normale avere la certezza di fare quel che si deve solo e soltanto perché si deve? E' normale ritrovarsi alla sera senza aver avuto granché da dedicarsi né da concedersi? E' normale spaccarsi il cervello cercando di risolvere problemi la cui soluzione non migliora di un grammo la sensazione di servire a qualcosa? E' normale respirare e non sentire nulla al di là di un'insoddisfazione di giorni che colano via vischiosi come sangue? E' normale volersi ritrovare in un'apnea senza tempo e senza spazio?

[foto by DenisOlivier]

18 commenti:

  1. Non ho idea di cosa sia "normale", ma dev'essere una noia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noia?
      L'ho scritto anche qualche tempo fa: bramo la noia, voglio la noia!

      Elimina
  2. E' normale se contemporaneamente si alimenta il contraltare della curiosità, della programmazione, dell'incontro...
    E' normale se non si abdica al bello in nome dello scomodo, se non si rinuncia all'interessante in nome del noioso, se non ci si arrende al convenzionale in nome del troppo faticoso.
    E' normale se, di pari passo allo scoramento, viaggia con noi la voglia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ franco battaglia, Le tue parole definiscono molto bene anche il mio pensiero.
      E' normale se dentro te hai la sensibilità, quello sguardo critico e, come ben dici tu franco, "la voglia" di vivere la vita appieno
      Ma coraggio Mia_euridice! non pensare mai che il tuo fare "non serva a qualcosa" benché nell'immediato tu non lo capisca. Non lasciarti mai sopraffare!

      Buona serata

      Maria

      Elimina
    2. Sì, tutto molto bello. In teoria. La solita teoria.
      All'atto pratico è tutta un'altra cosa.

      Elimina
    3. Comincia a venire a Più libri più liberi che ti faccio ripetizione tra una bancarella e l'altra... ;)

      Elimina
  3. temo sia una cosa che accade a molti, solo che non se ne accorgono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O forse se ne accorgono ma non scrivono post su un blog.

      Elimina
  4. Dipende da cosa s'intende per normalità però quello che provi è comune per tante persone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché il fatto che sia tanto comune non mi consola neanche un po'?

      Elimina
  5. E normale si,
    poi passa.

    Poi però occhio
    che ritorna

    RispondiElimina
  6. È normale quando si fa un lavoro che non è il proprio.

    RispondiElimina
  7. No, è la via più corta per morire di un brutto (anor)male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho la stessa sensazione. E non è affatto esaltante.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.