3 ottobre 2016

Tra il cosa e il come

La differenza, alla fine, sta nel "come". Perché il "cosa" è quel che è, magari lo si sa o lo si vede o lo si tocca: sostanza pulsante e spietata. Ma il "come" va pensato e immaginato e creato in altra sede. Il "come" trasmette lo sguardo e la voglia e il pensiero. Il "come" dice forse persino più del "cosa" perché ne diventa la strada o il tormento. Si sceglie un "come" per dirsi, un "come" per negarsi, un "come" per rappresentarsi. E' lì che inizia la discrepanza, lì che si annida l'arte o che germoglia la bellezza. Perché il "cosa" è alla portata di chiunque ma il "come" trasforma il mondo e persino la storia.

[foto by etchepare]

18 commenti:

  1. …e ognuno di noi è un “come”.
    Una volta pensavo fosse una ricchezza, oggi certi “come” mi lasciano perplessa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione: certi "come" lasciano allibiti.

      Elimina
    2. ...specialmente quando, lentamente, si trasformano in "niente"..

      Elimina
  2. Aggiungerei il "quanto", che misura l'intensità con cui manifestiamo il come.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, può essere un altro discrimine.

      Elimina
  3. L’ideale sarebbe che il “cosa” si trovasse in sintonia con il “come” e si misurasse con il “quanto”, senza dimenticare l’importanza del “dove”…:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se insisti. Ma non esageriamo...

      Elimina
  4. Mi sono perso tra cosa, come, quando... e perché, no?
    Ciao -:)

    RispondiElimina
  5. E' vero quel che scrivi, perfettamente adeguato, tra l'altro, a questa dimensione di scrittura virtuale; il problema è che questo come è opinabile, soggettivo, legato alle mode e ai tempi. A volte anche agli equivoci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il "come", per come la vedo, è pressoché un'invenzione. E l'invenzione è sempre soggettiva ed intima. Cambia, si muove, respira e inciampa. Deve essere così, d'altro canto.

      Elimina
  6. Quando la forma diventa sostanza.

    RispondiElimina
  7. Mia Euridice, vorrei dirti una cosa,
    anzi dovendo scegliere tra le parole scelgo una che ritengo possa resistere alle intemperie, mentre tutto è in divenire, in trasformazione, lei resiste, come non so, ma resiste e sposta mondi: Grazie.
    hanabeldirà

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.