28 settembre 2016

Vedi? Alla fine ci ho pensato

Non faccio promesse. E non giuro mai anche se, di tanto in tanto, mi capita di sperare e di-sperare. L'avevo detto e pure scritto: "Ci penso". A una valenciana di base a Roma. L'ho scritto a lei. Lei che non so chi sia, lei che avevo scambiato per un lui, lei di cui osservo certi scatti su IG e nient'altro. Almeno credo. Mi ha spinto a pensare e ripensare questo mondo da cui sono lontana da due mesi e mezzo, ora più ora meno. Lo sfioro appena a giorni alterni e se mi va. Arrivo, annuso, smozzico post altrui e mi allontano a passi lenti. Certo che mi manca, certo che mi serve, certo che posso riprendermelo quando voglio. E magari ora voglio.

[foto by IlaydaPortakaloglu] 

36 commenti:

  1. Ho, forse, afferrato solo in parte. Corri alla carica a riprenderti quello che vuoi. Ma attenta, che spesso tendiamo a migliorare cose e persone nei nostri ricordi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è un post un po' criptico. Devo ammetterlo. Ma ha comunque un senso, fidati!
      Sì, i ricordi possono deformare, in bene o in male, ma vedrò di fare attenzione. Grazie Pippa.

      Elimina
  2. Bella sorpresa questo autunno!! ciao Euridix :D

    RispondiElimina
  3. Si va, si viene e si resta, in un posto che non esiste ma c'è. Ben tornata Mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I paradossi di questo piccolo mondo.
      Grazie anche a te.

      Elimina
  4. Il solo ripensarci è ottimo segno ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può esserlo. Dipende però dai punti di vista.

      Elimina
  5. Quando si pensa, si valuta e rivaluta, con le giuste considerazioni o con quelle sbagliate, ma prenditi ciò che vorresti prendere o per lo meno provaci! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono già presa quel che mi serviva: uno stacco piuttosto importante.
      Vedrò di andare avanti. Ci proverò, almeno.

      Elimina
  6. ero arrivata tardi a commentare il precedente, quando la porta era già stata chiusa... ti avrei regalato una delle mie solite perle sperlate... una cosa tipo: in effetti la fatica di scrivere aggiunta alla pena di leggere (in specie taluni commenti) può essere demotivante...
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, scrivere affatica. Ed affatica anche leggere certi commenti. A volte passa la voglia. Ma la ragione della mia "pausa" sta in altre ragioni. E le tue perle "sperlate" sono sempre deliziose.

      Elimina
  7. Io sto uscendo da una crisi di scrittura. Ho ripreso a scrivere poesie dopo mesi. Anche con il blog le cose vanno un po’ meglio. Vedremo. Comunque è un piacere risentirti su queste frequenze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi avevi accennato a questo "buco". Credo che sia fisiologico, arrivano momenti simili a chiunque "viva" la propria passione.
      Sono molto felice di sapere che anche tu ti stia riprendendo. Forse abbiamo vissuto in parallelo una "crisi" simile.

      Elimina
  8. bel modo di rientrare, nè roboante nè troppo in punta di piedi.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roboante non è possibile. In punta di piedi, neppure.
      Rido...

      Elimina
  9. Ben tornata "ragazza"
    Ti aspettavo, sorrido, ti aspettavamo in tanti, come puoi da sola comprovare.
    Grande gioia nel leggerti, immenso piacere nel ritrovarti. Grazie per esserci 😊

    Mapax1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco la valenciana che, da quel che ho visto, forse è proprio a Valencia!
      Vedi? Ci ho pensato su. Forse è tutta "colpa" tua.
      No, scherzo.
      Grazie cara.

      Elimina
  10. Felice colpa! Orgogliosa d'averti ritrovata nelle pieghe dell'anima. Eri assordante nel tuo silenzio. Ho forzato un po lo ammetto 😆 ma ci mancavi per davvero. Ti leggo con piacere. Ti seguo con gioia.

    Un abbraccio dalla mia terra, dal mio bisogno primordiale di ritornare alle mie radici per riprendere nuovo slancio, nuova salvia vitale per ritrovarmi.

    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops! La linfa vitale per ritrovarmi volevo dire. Pardon 😆

      Elimina
    2. La tua forzatura, forse, mi ha fatto bene. Non so esattamente perché, ma probabilmente mi ha indotto a valutare il fatto che qui ci sto bene e che ci sono persone come te che leggono e che lo fanno con piacere.

      Buona Valencia! E riparti più forte di prima.

      Elimina
    3. Ti leggo con piacere si, da tanto ormai. E dai tuoi scritti e dalle tue risposte s'intuisce che questo è il tuo mondo, t'appartiene e ci stai bene. Penso che le pause nella vita siano necesarie per dare il giusto peso al tempo. Intuivo però che nel mentre hai maturato "cose" e raggiunto un certo equilibrio che se pur ancora precario, ti può aiutare a riprendere il volo, il tuo volo.

      Un abbraccio cara ragazza. Felice di ritrovarti ancora qui.

      Maria

      Elimina
    4. Non sapevo che mi leggessi. Forse perché non hai mai lasciato un commento. O forse hai scritto con qualche altro nome. Chissà.
      Per me è sempre una sorpresa sapere che c'è qualcuno che mi legge e tace. Si chiamano "lurker", a quanto pare: chi segue senza dire mai nulla.

      Sto bene in questo piccolo mondo, hai ragione. Ci sono state questioni "altre" che mi hanno indotto a prendermi un po' di tempo e di spazio per me. Ora penso di poter tornare a scrivere e frequentare di nuovo questo luogo.

      Sono ancora un po' in bilico, hai ragione. Certe voragini continuano a inghiottire pensieri e timori. Ne uscirò.

      Ti abbraccio anche io. Forte. E grazie per quel che hai fatto per me forse anche senza saperlo.

      Elimina
    5. "Lurker" non mi aveva mai chiamato nessuno 😃
      Non ho mai scritto sul tuo blog, ne anche in altri, tant'è che mi vengono doppi i post senza capire bene perché, ma ti ho molto letto e seguito, adoro ascoltare (anche i silenzi) e nell'impossibilità leggo molto prima, per capire. La prima volta è stato l'altro giorno. Ho/avevo paura di non riuscire a spiegarmi bene nella tua lingua e poi, io sono all'antica, firmo sempre non mi piacciono i fantasmi.
      Sono molto contenta nel leggere che hai maturato fino al punto "di frequentare ancora questo luogo".

      Ripeto, continua, ci mancavi per davvero ragazza.

      Ti abbraccio
      Maria

      Elimina
    6. I doppi post a volte vengono anche a me. Di solito quando scrivo da cellulare. Non so perché accada.
      Devo dire che nella "mia" lingua ti esprimi più che bene, questo è evidente. I fantasmi non piacciono nemmeno a me anche se qui, di tanto in tanto, qualcuno appare con o senza nome.

      T'abbraccio anche io.

      Elimina
  11. Si, mancavi... ho latitato anche io per motivi di salute... ora mi sto lentamente riprendendo, spazi e voglie. Non lavoro per ora e credo fino a Natale almeno, e si intensificano solo i pensieri, le memorie, i rimpianti. I progetti sembrano miraggi. Ma bisogna corrergli dietro, plasmarli, addomesticarli. Bentornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace che tu non stia bene. Hai tanto tempo libero, a quanto pare. Puoi usarlo per pensare e scrivere. Ti sembra poco?

      Elimina
    2. Pensare si.. scrivere con una protesi al posto della testa dell'omero destro, più complicato, invece. Ma non demordo. No.

      Elimina
  12. che bella sorpresa!
    Bentornata, Euridice.

    RispondiElimina
  13. bentornata, devo dirti che un po' ci credevo nel tuo ritorno...
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu?
      E hai fatto bene, evidentemente.
      A presto.

      Elimina
  14. Bentornata.
    Aspettavo di sentirtelo dire.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.