14 luglio 2016

Click

Provo e rinuncio. Scrivo e cancello. Penso e de-penso. Di certo non sono lucida abbastanza. E nemmeno forte e nemmeno illuminata. Forse è solo il tempo di elaborare una nuova me e starla a guardare. Perdo frammenti e non mi interessa, perdo parole e non mi interessa. Non riconosco e non sento quel che un tempo mi dava ispirazione. Non ne percepisco la forza e neppure la pietà. Probabilmente sto lasciando morire quel che non ha più la rilevanza che vorrei. E' morta la mia poesia anni fa. Muore questo blog adesso. Almeno è così. Magari tornerà. Magari si spegne e basta, come si spengono tutte le cose.

[foto by WiciaQ]

35 commenti:


  1. Ma come????

    Scusa perdonami ma sento proprio l'esigenza di mandarti a fanculo,
    cazzo,
    a me serve il tuo blog.

    RispondiElimina
  2. Spero che sia soltanto una crisi di passaggio e tu non abbia intenzione di cessare con il blog. Tuttavia anch’io sto attraversando un periodo simile, come ci siamo già detti, e l’idea mi è balenata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se sia di passaggio o meno. Forse ho solo bisogno di sapere che qui lascio quello che c'è e che, se vorrò, potrò tornare.
      Sì, anche tu sei un po' in crisi. Scrivi molto meno di un tempo.
      Forse abbiamo bisogno di riposo. O forse di un'altra forma di scrittura.

      Elimina
  3. Davvero?? Ciao, ci siamo conosciute alcuni anni fa, e ho sempre letto il tuo blog. Dopo un periodo d'inattività dal mondo del sentire/scrivere (e di grossi terremoti nella vita personale) sto timidamente tentando di ricominciare. Mi dispiace molto non poter condividere una possibile reciprocità. Ti ho sempre ritenuto molto affine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Che bello sapere che ci sei ancora. Mi fa molto piacere rileggerti. E immaginare che potresti tornare a scrivere. Mi piaceva molto seguirti.

      Anche nella mia vita c'è stato qualche terremoto. Potente e sconvolgente e inaspettato.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  4. E' una crisi che colpisce tutti, prima o poi. Io la sto aspettando...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, colpisce molti di noi.
      Stavolta è toccata a me.

      Elimina
  5. Spero sia solo un momento passeggero..in ogni caso, sei libera di fare ciò che vuoi..qualunque cosa, l'importante è farla se ti fa stare meglio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono libera, certo. Libera di lasciare e di tornare, se lo riterrò opportuno.
      Cercherò di star meglio.
      Grazie.

      Elimina
  6. R.I.P:

    che poi oggi è anche l'anniversario della presa della Bastiglia, mi pare un buon giorno per porre fine a qualcosa ...
    (esce salutando e cantando la marsigliese)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo e sento quel che è successo a Nizza e trovo che ci sia altro di cui occuparsi e pre-occuparsi.

      Elimina
    2. è accaduto Giovedì sera intorno alle 22.30

      ora lo vedo e lo sento anche io ...

      Elimina
    3. Un'altra carneficina.
      Terrificante.

      Elimina
  7. La risposta è nell'aspettativa.
    Buon collocamento Mia.
    - seguace silenziosa in attesa

    RispondiElimina
  8. Riposo e altre forme di scrittura? Una bella alternativa.. intanto, se la tua crisi produce cosi tali disamine, e una cosi dettagliata descrizione di frammenti... ben venga ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, riposo e, forse (molto forse), qualche altra forma di scrittura e di esistenza.

      Elimina
  9. Impariamo crescendo e cresciamo imparando, cerchiamo nuovi modi di esprimerci o altri livelli, chi lo sa...
    Un bel riposo aiuta.
    auguri, Euridice e, forse, arrivederci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari ho solo bisogno di distacco e di pensare ad altro.
      Forse, un giorno, sentirò il bisogno di tornare a scrivere qui.
      Grazie.

      Elimina
  10. Esci.
    Chiudi la porta.
    Metti il lucchetto ma tieni la chiave.
    Questa è come casa tua e se te ne vai, lei rimarrà qui ad aspettare il tuo rientro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La chiave me la tengo. Sicuro.
      Non si sa mai...
      Sorrido.

      Elimina
  11. È triste. Ti stai spegnendo come un moccolotto e quel che è peggio non fai nulla per contrastare il tuo decadimento, anzi ti ci stai adagiando sopra. Il tuo comportamento è esattamente all'opposto di quello che ci si aspettava da una come te.
    Diciamo la parola: sei deludente.
    Da tempo non scrivi più niente di interessante, ma solo ti avvinghi alla tua momentanea pochezza. Questo tuo modo piagnucoloso di scrivere attuale intristisce te e tutti i tuoi lettori. Chiudi e ricarica le batterie, se ci riesci. Meglio una bella morte di una vita trascinata negli stenti.
    L.A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono ottime probabilità che tu sia molto meno intelligente e perspicace di quanto pensi.
      Con questo commento dimostri di non aver capito assolutamente nulla.
      Peccato. Per te, chiaramente. D'altro canto non sai niente di me né della mia vita. E va benissimo così.

      Elimina
  12. Mia Euridice,
    spero che quello che starai cercando,
    ti venga incontro in un'aurora, ti prenda per mano e ti riporti dove posso leggerti.
    hanabeldirà

    RispondiElimina
  13. Te l'avranno detto in tanti, ma è un peccato rinunciare.
    Questa è un'inclinazione che può aiutarti a stare meglio o peggio in qualsiasi momento, tu e la scrittura siete una cosa sola nel bene e nel male.
    Fa parte di te, ritornerai a scrivere e ritornerà il desiderio di parlare, di dire ciò che ti passa nella mente. Devi solo avere il coraggio di lasciare la tua mente vagare, in qualsiasi posto voglia.
    Noi, ti aspettiamo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei molto cara.
      Tornerò. Non so quando però.

      Grazie.

      Elimina
  14. Non ricordo di chi erano queste parole, forse Hikmet, però mi sono venute in mente leggendoti. "Io non ti abbandonerò mai nel momento in cui potrò abbandonarti sempre." Tieniti bene!

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.