21 giugno 2016

Le parole torneranno

Le parole torneranno. E anche quelle colorate scintille che un tempo plasmavano la mia immaginazione. E anche quella voglia di raccogliere impulsi e scheletri e furenti rimbrotti. Era qui che convergeva parte della mia coscienza, qui che mescolavo inezie e altre poltiglie quotidiane. Un modo come un altro per ritrovarmi in me, una discesa nella banalità rilevantissima di un'esistenza. Mi manca questa scatola fatta di mattini bianchi e di un cursore che trema. C'erano solo poche righe ma bastavano a non farmi sentire fratturata ed arida come non vorrei. Le parole torneranno e io con loro.

25 commenti:

  1. È quello che ti auguro e mi auguro, perché qualcosa manca in questo angolo di rete: la tua arguzia spesso spellante che induce al dibattito. Io sono paziente ed è una dote che mi sono scoperto adesso, per merito tuo.
    L.A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti avrei mai fatto paziente. Anzi.
      Ma è divertente saperlo.

      Elimina
  2. le parole vanno e tornano...
    Anche i tuoi silenzi sono eloquenti, sai? Parlano di aridità, ma anche di ricerca. Raccontano stanchezza e troveranno qualcosa di nuovo.
    Noi?
    Aspettiamo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, le parole fanno quello che vogliono.
      Felice di sapere che anche questo silenzio, spero passeggero, abbia il suo dire. C'è stanchezza (tanta, soprattutto mentale) e il desiderio di nuovi equilibri.
      Grazie per l'attesa.

      Elimina
  3. Le parole non sono tutte di chi le scrive: una metà appartengono a chi le legge. Perciò ti prego di non abbandonare le tue perché io voglio le mie. :-) :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te: le parole sono per buona parte (forse anche più della metà, a volte) di chi le legge o le riceve.
      E grazie!

      Elimina
  4. "La mia vita non è quest’ora ripida
    che mi vedi scalare in fretta.
    Sono un albero innanzi all’orizzonte,
    una delle mie molte bocche,
    e la prima a chiudersi.

    Sono l’attimo tra due suoni
    che male s’accordano
    perché il suono morte vuole emergere

    Ma nella pausa buia si riconciliano
    entrambi tremando.

    E bello resta il canto."

    (Rainer Maria Rilke)

    RispondiElimina
  5. Leggo questo tuo post come un augurio. Perché in questo periodo per me le parole si sono un po’ spente. Rimango in attesa di nuove fioriture.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sono spente anche per me, come vedi.
      Siamo in attesa entrambi, evidentemente.
      Ci ri-troveremo.

      Elimina
  6. Il mondo dei blog perde alcune cose importanti se te ne vai. Antipatica.

    RispondiElimina
  7. Metti qua le tue poltiglie, che mi ci lavo occhi e anima come fosse prezioso unguento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Torneranno anche le poltiglie, Franco.
      T'abbraccio.

      Elimina
  8. Capita di aver la voglia, lo stimolo di scrivere ma di non aver niente da dire davvero e ci si sente così, come incompleti.

    Le parole torneranno e saremo qui ad aspettare te con loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero io avrei pure cose da dire ma non ho più voglia. Come se fossi spenta.
      Passerà. Almeno credo.

      Elimina
  9. Torneranno, e sarà un nuovo inizio, dopo quello primordiale del verbum.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un nuovo inizio, ecco. Credo sia quello che ci vorrebbe.

      Elimina
  10. Torneranno, ne sono sicura. Magari stanno lì nascoste solo per vedere l'effetto che fa, una specie di gioco a nascondino.
    Torneranno, sono parte importante di te.
    Un abbraccio,
    Sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse hai ragione tu. Magari si tratta solo di un gioco a nascondino.

      Elimina
  11. Hai saltato le notti, se ne hai avute di trascorse immaginando e lasciandoti trasportare dalle emozioni che la musica suscita in noi...io si! Facendo l'alba e sorseggiando il tepore mattutino (era estate) e la distillazione della luce che gradualmente risaliva dalle ombre allungate del sole all'orizzonte. Ma forse perché presi da altro che cattura la nostra attenzione, forse la debolezza dell'attrazione verso altri temi che, è vero, le parole mancano che non sono parole mancanti, solo assenza, tiepida astrazione, sguardi fugaci al mondo.
    Per considerare i tempi di piena, sembrerebbe necessario transitare nella valle delle vacche magre. Non è un tempo permanente. Solo di passaggio.

    Assente per motivi quasi simili.

    Uomo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho saltato delle notti, è vero. Ma senza musica. Mi bastava il silenzio. Ora va meglio e le mie notti sono tornate a me e a miei immancabili sogni.

      Assenti entrambi.

      Elimina
  12. le parole, come se ne vanno, tornano ed è sempre una sorpresa, quasi fossero i loro movimenti indipendenti dal nostro controllo.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, fanno quel che voglio. Come e quando.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.