20 ottobre 2015

Titoli di coda

Sono una di quelle che, quando va a vedersi un film, ama rimanere fino alla fine per i titoli di coda. Un'impresa eroica, vi assicuro. Perché i titoli di coda non li segue quasi nessuno. Al momento dello schermo nero, per sopravvenuto epilogo, tutti si alzano all'unisono, tutti si fermano a parlottare, tutti ignorano le scritte che scorrono e, soprattutto, tutti mi guardano come se fossi matta. E magari un po' lo sono davvero. Resto dove sono con la faccia assorta di chi non ha ancora terminato la sua visione: esattamente quel che è. Mi alzo dopo e con calma ché tanto il cinema non scappa e nemmeno chi ha già pagato il biglietto.

[foto by NuclearSeasons]

16 commenti:

  1. Anche io sono uno di quelli che resta seduto fino all'ultimo titolo di coda.
    Quando però lavoro vorrei quasi ucciderli quelli che si fermano fino all'ultimo perché, non avendo molto tempo, rallentano l'opera di pulizia e sistemazione della sala.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. Anche il ragazzo addetto alla sala aspettava che io uscissi per poter sistemare tutto per l'ingresso di altri spettatori in attesa all'ingresso. Ma che posso farci?
      D'altro canto anche tu, da spettatore, ami seguire i titoli di coda.

      Elimina
  2. Dovrebbero far sì che i titoli di coda diventino di testa, così di sicuro li seguirebbero. Perché in quelle piccole scritte non c'è solo un popolo di gente che ha contribuito all'opera cinematografica ma si possono trovare utili ed interessanti informazioni come, ad esempio, i nomi e gli autori delle colonne sonore utilizzate, i luoghi in cui le scene si sono svolte e tanto altro ancora. Di solito li seguo anche in tv ma in quel caso li stroncano subito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I titoli di coda sono molto dettagliati e, per me, anche interessanti. Però la maggior parte degli spettatori li salta senza troppi problemi forse perché li ritiene una perdita di tempo.

      Elimina
  3. Succedeva anche a me....quando andavo al cinema :-)

    RispondiElimina
  4. Io sono sempre stato fanatico per i titoli di coda, ma al cinema vado poco e film su disco ne compro ancora meno; quando danno i film per televisione mi inBIIIPPo all'ennesima potenza perché (oltre ad averli corcati di pubblicità e ad averli censurati da tutte le parti) arrivano alla parola FINE e trakk, tagliati via i titoli di coda. Se mi convertissero il canone della stramaledetta rai (che ora vogliono far pagare sulle bollette elettriche) in biglietti per il cinema sarei più contento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero: in TV di solito i titoli di coda vengono tagliati senza troppi complimenti. Normalmente non vedo quasi più film in TV e se lo faccio, si tratta di film trasmessi da canali a pagamento. Per il resto vado al cinema o compro dvd e bluray.

      Elimina
  5. che poi mentre scorrono i titoli di coda c'è spesso la musica migliore di tutta la colonna sonora.
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, hai ragione massimo.
      Anche nel caso del film che ho visto domenica...

      Elimina
  6. Concordo con Anonimo h. 16.17 e poi c'è la calca.

    RispondiElimina
  7. Condivido: i titoli di coda sono il film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto: i titoli di coda fanno parte integrante del film. Perché ignorarli?

      Elimina
  8. Guai a chi mi toglie i titoli di coda. Esco sempre solo dai cinema.
    E fulmino chi mi si sofferma davanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io vorrei fulminare chi mi si para davanti. Ma spesso mi devo contenere.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.