14 ottobre 2015

Di quei giorni di letto e temporali

Ti svegli ma il senso del tempo non t'appartiene. Te lo puoi permettere almeno per qualche ora e solo perché a lavoro ti tocca un pomeriggio al posto di una mattina. La lentezza si fa padrona delle palpebre, dei pensieri e persino di qualche altro spicchio di te. Non t'importa. Rotoli nel limbo di bozzolo e tepore di quei giorni di letto e temporali che fanno buono l'autunno. Dovresti pur prendere contatto con il resto ma continua a non importarti granché e rimandi fino all'istante più lontano. Respiri ancora un po' quel rimasuglio di sonno che è rimasto incastrato tra le ciglia e i polpastrelli. E stai perché, davvero, non t'importa.

[foto by Silmeria_sisi]

16 commenti:

  1. Credo che tu abbia descritto bene uno stato di attesa. Aggiungo che secondo me “tepore” è una delle parole più belle della lingua italiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se sia uno stato di attesa. A me sembrava più uno stato di insofferenza. Anche a me piace molto la parola "tepore" e amo molto la sensazione di "tepore".

      Elimina
  2. Che bello fosse sempre così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è bello. Ma non lo è sempre, purtroppo.

      Elimina
  3. Mi succede tutti i giorni da un paio di mesi... brutta roba per un inquieto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, chi si rivede/rilegge!
      Ben tornato....

      Tutti i giorni da un paio di mesi?
      Beato te. A me capita una volta all'anno.

      Elimina
  4. io non ce la faccio. non che m'importi molto, ma mi sveglio già con l'ansia. Devo fare qualcosa. Devo darmi un senso. Anche stupido. E di solito è stupido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, svegliarmi con l'ansia mi accade molto di rado, per fortuna. Preferisco le mattinate di letto e temporali.

      Elimina
  5. Svegliarsi e voler rimanere coccolati dal tepore del dormiveglia.. strauaoo..

    RispondiElimina
  6. Chissà perchè ci sembra sbagliato starsene ogni tanto a poltrire a letto. Benvenga l'autunno per godere del tepore sotto al piumone....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perché sembri sbagliato. Credo che in molti lo ritengono un diritto inalienabile, altri ancora un'eccezione. Io faccio parte del secondo gruppo e non è detto che sia una scelta saggia.

      Elimina
  7. Io vivere vorrei addormentato
    entro il dolce rumore della vita

    Sandro Penna

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.