2 luglio 2015

Peggy

Peggy ha gli occhi a palla e la faccia che ride. Zampette corte e la pancia rosata. Somiglia in maniera imbarazzante alla signora che la tiene al guinzaglio. E non mi sorprende: pare che non sia un fenomeno raro. Peggy si avvicina perché (e questo sì che non so spiegarmelo) i cani mi guardano negli occhi e poi cercano sempre di avvicinarsi a me. Mi chino e mi faccio annusare la mano. Quando capisco che la nostra conoscenza è un dato di fatto le accarezzo piano la testa e pare piacerle. Poi smetto e lei mi mordicchia le dita. Le offro ancora qualche coccola. Poi la fila procede e la signora va oltre. Insieme a Peggy.

[foto by Bunnybunbunbunee]

18 commenti:

  1. O forse è Peggy che porta di guinzaglio la signora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavo per scrivere lo stesso :)

      Elimina
    2. Non mi sembrava che fosse Peggy a condurre al guinzaglio la signora.
      Non fosse altro che per le dimensioni dell'una e dell'altra.

      Elimina
  2. La mia signora vorrebbe un cagnolino stile batuffolo. Io le dico: va bene, ma mattina e sera il quotidiano "passeggio" spetterà sempre a te. Mi guarda torva e passa oltre. Rimane un guinzaglio senza Peggy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace. Però è giusto sapere che avere un cane presuppone delle responsabilità non da poco.
      In soldoni: somiglia un po' ad avere un bambino. Con le dovute differenze, si intende.

      Elimina
  3. Pur riconoscendo amabili qualità ed aspetti dei cani, preferisco i gatti da sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io amo entrambi.
      In passato li ho avuto entrambi.
      E sono meravigliosi entrambi.
      Nessuna preferenza.

      Elimina
  4. cercare il contatto (e magari trovarlo) è gratificante di per sè, che si tratti di cane, di gatto, di neonato o adulto di uomo.
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il contatto di vicinanza che ricevo da un animale (cane, gatto o altro) a me pare più autentico e spontaneo di quello di molti umani.

      Elimina
    2. Il contatto degli animali è scevro da interesse. Malattia tutta umana..

      Elimina
    3. Ecco perché, spesso, lo preferisco a quello di certi umani.

      Elimina
  5. probabilmente i cani sono il tuo animale totem, a me succede con i gatti, che anche se tendo ad ignorare me li trovo addosso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, invece, non li ignoro affatto.
      Anzi.
      Me li vado a cercare più o meno regolarmente. L'ho sempre fatto, mi dicono i miei genitori, anche quando ero molto piccolo.

      Elimina
  6. A me piace moltissimo fermarmi a guardare la somiglianza cane-padrone. A volte mi guardo allo specchio per vedere come assomiglio ai miei cani :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La somiglianza tra i cani e i loro padroni è spesso inquietante.
      Probabilmente anche tu somigli ai tuoi cani. O, almeno, a uno di loro!

      Elimina
    2. In realtà penso un po' ad entrambe :D

      Elimina
    3. Hai due cagnoline?
      Come si chiamano?

      (Ecco: già comincio il percorso di avvicinamento ai cani...)

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.