9 luglio 2015

Ho avuto un prof

Ho avuto un prof che in classe si tramutava in una specie di tiranno isterico capace di terrorizzare chiunque. Un altro che rideva come un ebete e non sapeva spiccicare parola. Ne ho avuto un'altra che mi ha spiegato quanto valesse scrivere e farlo bene. Ho avuto anche un prof bravissimo, se solo avesse voluto fare il prof: purtroppo preferiva gongolare nel suo becero ego e disperdersi nei vuoti che bastava mettergli di fronte. Un'altra prof era nata per fare la prof e credo che abbia continuato ad insegnare con la fermezza di sempre. Poi ho avuto un prof anziano che mi ha insegnato che il fascino puro è la pura sapienza.

[foto by vamosver]

25 commenti:

  1. Ricordo con infinito affetto un prof. di latino ed una di letteratura.
    Spesso mi tornano in mente frammenti sconnessi delle loro lezioni.
    Chissà se sono ancora allo stesso liceo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ricordo alcuni insegnanti con grande affetto.
      Qualcun altro, invece, lo ricordo con compassione.

      Elimina
  2. Non ho un bel ricordo di alcuni miei prof. del liceo. In particolare quello di matematica era un egomaniaco affetto da nannimorettismo. Insopportabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nannimorettismo... sembra una malattia grave.
      Sorrido.

      Elimina
  3. io ne ho avuto uno che non sapeva l'italiano, uno che conficcava la punta del compasso nel culo agli studenti e a metà lezione faceva pausa sigaretta con mezza classe al seguito, e poi c'era quello con l'alito più fetente e orrendo del mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pausa sigaretta la facevano anche alcuni dei miei professori.
      Molti fumano direttamente in classe...

      Tendenzialmente, mi pare di notare che la maggior parte dei docenti "difettosi" fossero o siano uomini. Magari è solo statistica, ma forse le donne sono più brave e più "sane".

      Elimina
    2. Le donne che sono più brave sono uomini in realtà. Poi che le donne siano più brave, be' qui si tratta di puro Sproloquio. Posso al limite dire che quelle rarissime donne/uomo brave sono davvero brave, ma rar. È un dato di fatto che ti ostini a non vevedere. Sei molto interista in questo. Il che equivale a non essere. Jc

      Elimina
    3. Pardon refusi. Scritto al cell.

      Elimina
    4. Con la tastiera del telefono non ci farai mai pace: basta prenderne atto, ormai.

      Come ho scritto, statisticamente (e parlo per la mia esperienza) i professori che avevano qualche problema, tendenzialmente, erano uomini. In generale con docenti donne non ci sono mai state anomalie: erano per lo più molto più capaci e più portate all'insegnamento di molti uomini.
      Forse perché semplicemente avevano scelto quel lavoro e non ci erano arrivati, come accade a molti uomini, solo perché non hanno trovato di meglio.

      Elimina
    5. Ma cosa dici? Tutti i maschietti/bimbetti da grandi vorrebbero fare la maestra. Parlo statisticamente e per mia esperienza. Cosa vuoi fare da grande: la maestra! Tutti.

      Elimina
    6. Certo. Tutti i bimbetti vogliono fare la maestra da grandi. Peccato che si guastino nel diventarlo!

      Elimina
    7. Era una battuta. Vogliono fare i calciatori i bimbetti o i filosofi, è risaputo.

      Elimina
    8. Io voglio fare il guardiano del museo..

      Elimina
    9. @Jean: si capiva che era una battuta! Mio nipote, un bimbetto di otto anni, vorrebbe fare il pilota di Formula 1. Altre aspirazioni...

      Elimina
    10. @ franco: tu non sei un bimbetto!

      Elimina
  4. Io ricordo con grande affetto e ammirazione il mio prof di Matematica e Fisica e la mia prof di Italiano e Latino. Due persone e insegnanti splendidi. Io sono più portata per le scienze, ma e' solo grazie alla prof di Italiano che ho potuto avvicinarmi, con tutti i miei limiti, alla letteratura...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. Sono certi insegnanti che sanno farti capire quanto possano essere affascinanti materie ed argomenti che senti lontani o poco adatti.

      Elimina
  5. ricordo con affetto misto a terrore (le bastava "farci gli occhiacci" per far capire che c'era qualcosa di sbagliato!) la maestra delle elementari.
    Dopo, nonostante un'altra decina d'anni di studio, il vuoto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la mia maestra delle elementari (la mitica maestra Giuseppina) ci faceva gli occhiacci. Bastava guardare l'intera classe o cambiare leggermente il tono di voce per farci capire che non gradiva qualcosa.

      Severissima ma terribilmente in gamba. Ma apparteneva ad una generazione di insegnanti che ormai non esistono più.

      Elimina
  6. Umanità varia.
    Del resto,gli insegnanti non sono marziani.

    RispondiElimina
  7. Ricordo volentieri solo il mio Maestro elementare. Quando il maestro ti seguiva per cinque anni ed era uno solo. E se era bravo ti lasciava un'impronta di umanità che ti avrebbe fatto amare lo studio nonostante tutti gli svariati, anonimi prof a venire. Avrebbe coltivato sensibilità, misura, emozione, sorpresa e buon senso. E memoria. La memoria di una bellissima persona. Il mio Maestro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io alle elementari ho avuto una sola insegnante per cinque anni. La maestra Giuseppina senza la quale, probabilmente, non sarei quella che sono e non avrei fatto le scelte che ho fatto.

      Elimina
    2. Ricordo con simpatia un mio professore di matematica al liceo il quale diceva sempre a tutti noi: mi raccomando, se non capite qualcosa ditemelo, così vi illustrerò di nuovo la lezione. Lo ripeteva sempre, in ogni occasione. E così un giorno ho alzato la mano: Professore, non ho ben capito quella formula…E lui di rimando: capirai!...capirai! Sono rimasto come un carciofo, tra le risate generali.

      Elimina
    3. Rido anche io, un po'.
      Spero non ti dispiaccia...

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.