22 aprile 2015

Quel che avrebbe potuto essere

Carissima, se quel che pensi avrebbe potuto essere non è stato, vuol dire semplicemente che non doveva essere. Perché se quel che avrebbe potuto essere fosse stato voluto, allora sarebbe stato davvero. E' questo il nodo del mio aggrovigliato dire. Quel (fatale) "volere" che non si è sommato al "potere"; che proprio poco non è, considerati gli eventi. Gli arabeschi d'ipotesi e allegati svolazzi di sogni a cui incateni le tue eccitate ragioni contano tanto quanto queste mie scialbe ed inascoltate parolastre. Per cui: datti pace e deponi il tuo rammarico visto che non ha più alcun motivo d'essere. 

12 commenti:

  1. Il comune modo di vedere la vita è radicato fortemente all'idea dell'esistenza. Tuttavia cosa è, e in consiste l'esistenza, se non comprendiamo la transitorietà delle cose?

    RispondiElimina
  2. Parolastre, quanto compiacimento in quell'apparente dispregiativo.
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è propriamente compiacimento.
      Anzi.
      E' la presa d'atto della totale "inutilità" di certi discorsi. Post compresi.

      Elimina
  3. così contorto, ma allo stesso tempo così chiaro...e vero.
    un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contorto, me ne rendo conto.
      Eppure, magari dopo una seconda o terza lettura, può divenire chiaro.

      Elimina
  4. Sorrido agli "allegati svolazzi di sogni", perché sono quelli che ci colorano il reale, tridimensionano il piattume, nobilitano le parolastre, arabescano il desiderio. perché tutto quello che poi accade, si sveste di organza onirica e ingrigisce di colpo, decolora in un amen, appassisce dimenticato, semplicemente si adegua.
    E quel che non dovrà essere continuerà ad appassionarci il cuore.
    Di potenziale voglia.
    Non deporre mai alcun arabesco. Anzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per certi versi hai ragione.
      Però bisogna anche capire quando arriva il momento di rinunciare ai voli pindarici e tornare coi piedi sulla terra.
      Questione di pura sopravvivenza.

      Elimina
    2. Ah! Quanto mi piace quel "pura sopravvivenza"! Io mi azzarderei anche a scrivere "salvaguardia della specie": in questo caso è pertinente. :-)

      Elimina
    3. Sì. Direi anche io che possa servire a salvaguardare la specie

      Elimina
  5. "datti pace e deponi il tuo rammarico visto che non ha più alcun motivo d'essere" e può solo nuocere e null'altro...

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.