9 febbraio 2015

La prossima vita

La prossima vita voglio avere i capelli rossi. E ricci come adesso. Voglio avere anche un bel cervello e begli occhi che lo sanno raccontare. La prossima vita mi piacerebbe imparare ciò che in questa non ho voluto o saputo fare. Voglio capire meglio e di più. Non sarò più buona di adesso e nemmeno molto più tenera. Magari la prossima vita farò davvero la poetessa o addirittura la pittrice e, se avrò lo spirito adatto, persino l'eremita. Sarei comunque una donna, ché di rinascere uomo non mi interessa affatto. La prossima vita conoscerò gente diversa e crescerò in una terra lontana. Magari ti aspetterò lì, dove vorrei incontrarti di nuovo.

[foto by MarinaCoric]

14 commenti:

  1. Occhio che ti potrebbe capitare la striscia di Gaza. O un altro mondo dove incontrare l'amore sarà l'ultima delle necessità. Ma il sogno no, quello lo custodirai ancora. Promesso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari quando avrò diritto ad una seconda vita la striscia di Gaza sarà uno dei luoghi più sereni e pacifici del mondo. Chissà, tra due o trecento anni.
      Non amo le promesse... no, meglio di no.

      Elimina
  2. No, basta...
    il nulla o il tutto, ma sono stanca di questa dolorosa sospensione fra estremi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra nulla e tutto. Forse meglio tutto... o forse no?
      Difficile, marzia. Difficilissimo.

      Elimina
  3. Si. Nella prossima vita vorrei proprio essere donna. Tanto per vedere l'effetto che fa :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che questo sia il desiderio di moltissimi uomini.
      La stragrande maggioranza, credo.

      Elimina
  4. Concordo...la prossima vita sempre donna :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sempre e solo donna.
      Non c'è paragone...

      Elimina
  5. Risposte
    1. A me non piacciono granché i gabbiani, ma ognuno sceglie la seconda vita che desidera.

      Elimina
  6. Personalmente, la prossima vita potrei quasi chiedere "ma non posso aspettare il prossimo giro? Non ho molta voglia".
    Ma se proprio dovrò tornare, rimarrò uomo. Anzi, rimarrò come sono, ovvero "uomo" con una forte femminilità, non omossessuale, non del tutto etero.
    Come sono ora, ambiguo, perché mi piace ciò che sono.
    Ciò che cabierei sono i capelli: vorrei avere i ricci ed imprecare ogni giorno per questi ricci impossibili che stanno dove vogliono loro.

    Per il resto, per l'amor del cielo, non cambiate niente. Va tutto bene così. Preferisco essere folle e mezzo depresso, piuttosto che essere stupido e felice (sebbene io spesso sostenga il contrario)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho capelli ricci. Ed ogni giorno impreco (o quasi) perché stanno dove e come vogliono loro. Ho sempre detto che i miei capelli sono anarchici. Ormai mi sono abituata...

      Folle e mezzo depresso piuttosto che stupido e felice.
      Meglio così, non c'è dubbio.

      Elimina
  7. hai pretese mica da poco per il prossimo giro :-)
    concordo nel mantenere inalterato il genere (vale anche per me, mi piacciono troppo le donne)
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se posso desiderare qualcosa, perché non desiderarla al meglio?
      Un uomo che resterebbe uomo...

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.