2 febbraio 2015

Il ciclamino e la neve

Il mio ciclamino si sveglia regolarmente in pieno inverno. Fa il suo dovere e sboccia di foglie e di fiori. Sorrido pensando che fuori ci sono dieci centimetri di neve ma lui, il mio buon ciclamino, ha appena messo al mondo un paio di boccioli di un rosa pallidissimo ma generosamente impavido. Solo un po' più in là di un vetro tripudia candido ed indifferente un concerto di materia gelida ma a lui, evidentemente, poco importa. Rimane nel suo cantuccio a proliferare fiori. Minuscoli, imperfetti, sconclusionati prodigi che ogni volta resuscitano strani sommovimenti di cuore che somigliano parecchio alle meraviglie di quand'ero bambina.

[foto by Al-Baum]

12 commenti:

  1. Ho sempre creduto che, osservando la natura ed i suoi prodigi, si riesca a ritrovare quella dimensione addormentata, smarrita, schiacciata, tanto necessaria per respirare e, quindi, sopravvivere. Chiamalo, se vuoi, "ritorno all'essenza" (che poi è anche "alle origini").

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vivo anche io questi minuscoli prodigi come una sorta di "ritorno all'essenza". Mi spiace solo di non notarli abbastanza. Forse di non avere più il tempo per farlo. O solo lo sguardo giusto per farlo.

      Elimina
  2. La Natura ha la capacità, se si è capaci di osservarla, di stupirci sempre. Forse noi umani come specie siamo stati un brutto scherzo nei suoi confronti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo un pessimo scherzo. Anzi, probabilmente una tragica realtà.

      Elimina
  3. Sono meraviglie anche adesso. Rimpiangi i tuoi occhi di bambina? Quando il prodigio non era ancora sconclusionato? Se il cuore vibra siamo sulla giusta strada. Il resto conta poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, un po' rimpiango i miei occhi di bambina. Anche se, devo ammetterlo, in certi casi mi rendo conto di averli conservati abbastanza. Ma meno di quanto vorrei.
      Siamo sulla giusta strada... benissimo!

      Elimina
  4. È un fiore dalla bellezza straordinaria. L'ho regalato quest'anno. E se ne trovano di diverse sfumature, una più bella dell'altra al punto da lasciare all'imbarazzo della scelta. Vorrei prenderne uno anche per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio ciclamino è il regalo di un'amica. E' di un colore rosa pallidissimo. Quasi bianco. Mi fa compagnia da quando vivo in questa casa.
      Prendine uno qualsiasi. Ha bisogno solo di luce e di un po' d'acqua ogni tanto.

      Elimina
  5. L'inverno non ferma la vita. La rende solo più difficile da affrontare, ma la vita non si ferma mai davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita non si ferma neppure dopo la morte, figuriamoci se potrà fermarsi per colpa di un po' di gelo e di neve!

      Elimina
  6. Non mi stufo mai di osservare la natura, in ogni sua sfumatura e cambiamento. Se la guardi con attenzione non è mai uguale a se stessa. Piante come i ciclamini o la bulbose primaverili mi affascinano in modo particolare. Forse perchè rappresentano il risveglio della primavera dopo la quiete invernale. Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le immagini che pubblichi regolarmente sul tuo blog dimostrano pienamente il grande amore che nutri per la natura e le sue meraviglie.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.