26 febbraio 2015

Alla mia solitudine

Scivola come una carezza lungo le tempie, mi lecca lenta le dita e si aggroviglia tenace alle caviglie. Non è una creatura maligna né una presenza che non so amministrare. Lei, languida e perspicace, riempie la stanza e se ne sta accovacciata tra i libri che ho portato con me. Benedice il mio essere quella che sono; anzi devo ringraziarla per avermi salvata dalle irrefrenabili idiozie del mondo di fuori, quello che preme e grida e strepita senza ragione. Non mi fa male e non mi porta via vita. Giace placidamente tra le ombre dei miei capelli e sostiene impavida ogni rintocco di cuore. Alla mia solitudine devo parte di ciò che possiedo: pensieri, fantasie, silenzi.

[foto by laura-makabresku]

26 commenti:

  1. Sì: questa una volta del vostro confessare che lo strappa, il mio sì

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, meglio si sia un no che senza onore; che lo lasci a passeggio, il solipsismo

      Elimina
    2. Tutto questo deve avere un senso.
      Però mi sfugge.

      Elimina
  2. Un lato positivo della solitudine che spesso faccio fatica a vedere.. Ma è vero: senza di lei, non ci sarebbero molte cose. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti faticano a vedere o vivere la bellezza della propria solitudine.
      Serve un po' d'esperienza e una discreta pazienza.

      Elimina
  3. Ne parliamo da anni io e te dell'argomento solitudine. Perché siamo quei pochi che non hanno paura di lei, soprattutto quando ci rendiamo conto che la solitudine, a volte, rappresenta una risorsa. Schopenhauer scriveva :"chi non ama la solitudine non ama neppure la libertà, perché si è liberi unicamente quando si sta sa soli".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non abbiamo paura della solitudine. Anzi, la sfruttiamo per farci del bene o, semplicemente, per rimanere con noi stessi. In pace.

      Elimina
  4. una fiera difficile da conoscere, ma poi si rivela salvifica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La si conosce e riconosce, di solito. Forse non la si vorrebbe accanto o si preferirebbe non inciamparci. Eppure credo che faccia bene. Di tanto in tanto, almeno.

      Elimina
  5. Troppi nutrono autentico timor panico. Io amo rimanere da solo.
    Ma chi scrive, chi pensa, chi ascolta; non è mai solo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la solitudine spaventa molte persone. Forse la maggior parte delle persone. Quelle che non amano pensare troppo. Né scrivere, né ascoltare.

      Elimina
  6. Non si è soli se si hanno pensieri in evoluzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' esattamente quello che penso (e sento) anche io.

      Elimina
  7. Grande risorsa, la solitudine; c'è chi la odia come fosse la peggiore nemica.
    Nel silenzio siamo costretti a fare i conti con noi stessi.
    Una vera impresa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una risorsa che, almeno per me, ha un valore inestimabile. Per questo la proteggo e la nutro al meglio.
      Fare i conti con se stessi è faticoso. E molti preferiscono rimandare o evitare.

      Elimina
  8. Ciao! Bel post e bel blog... mi sono appena iscritta! (n.143)

    Ho da poco aperto un blog anche io... Vuoi passare a dare un'occhiata?

    www.luisanapolitano88.blogspot.it

    RispondiElimina
  9. mi piace come ne parli, un po' animaletto di compagnia, un po' amante premuroso e tollerante. T'invidio.
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorrido. Hai ragione: l'ho descritta come fosse un animaletto di compagnia. Probabilmente perché la considero alla stessa stregua. Più o meno.
      Amante? Magari anche quello...

      Elimina
  10. Vuoi sapere una cosa?
    Ci sono delle volte che in compagnia solo di me stessa (e delle mie pippe mentali) sto benissimo. Mi perdo a pensare ed osservare, e provo un senso di libertà meraviglioso a non sentire la mancanza di nessuno.

    Fortunate o dannate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sto più che bene in compagnia di me stessa. E delle mie pippe mentali, che poche non sono. E mi sento liberissima.

      Secondo me è fortuna e dannazione insieme. Mi va benissimo.

      Elimina
  11. Alla parola solitudine si attribuisce, ormai, una valenza negativa.
    Ma la solitudine è quello che noi vogliamo che sia, non è di per sé negativa.
    Per me è un'oasi. Ne ho bisogno come dell'aria o del pane.
    Sono d'accordo con te :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non è affatto negativa. Anzi.
      Piace molto anche a me...

      Elimina
  12. Wow meravigliose parole, siamo integri e completi se amiamo ciò che siamo e non è solitudine
    Grazie
    Sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Sabina.
      No, non è affatto solitudine. Non come molti vogliono intenderla e percepirla, almeno.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.