26 gennaio 2015

Pazienza ed intelligenza

Pazienza ed intelligenza. Un augurio che mi faccio ogni mattina quando a capo chino chiudo la porta e mi preparo al giorno che verrà. Pazienza ed intelligenza, mi ripeto piano a labbra spente, proprio come fosse un mantra di buon auspicio. Perché so che è esattamente quello che mi servirà per reggere l'impatto con altra umanità. Pazienza ed intelligenza per non soccombere a certa diffusa stupidità, a certe ottuse ostinazioni, alle parole di gomma e piombo nelle quali, di certo, mi toccherà urtare prima e sciogliere dopo. La pazienza che nutre l'intelligenza, l'intelligenza che governa la pazienza. Le chiamo a me come fossero fiato e ne faccio profezia quotidiana.

[foto by mirpiphotography]

20 commenti:

  1. Ogni giorno mi corazzo con queste virtù, se pur non del tutto appartenenti a me.
    Fingo di averne perché devo.
    Fingo di pazientare verso le persone perché fa parte del tutto.

    Pazienza sul lavoro.
    Intelligenza per tutti gli altri.

    Pazienza con chi devo per forza sopportare.
    Intelligenza verso chi condivide il mio stesso ossigeno ad armi pari.

    Ogni giorno mi corazzo con queste virtù.
    Ogni giorno mi sembra di scendere in battaglia, anziché vivere una giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni giorno mi sembra di scendere in battaglia, anziché vivere una giornata.
      Faccio mia questa tua frase.
      Perché tutti i giorni mi sembrano battaglie.
      E poi ci si stanca.

      Elimina
  2. ottima alternativa al popolare 'calma e gesso' che la sera comporta l'esaurimento dell'una e dell'altro, mentre in questo caso alla sera ne porti a casa almeno una.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla sera pensi di averle esaurite entrambe, in verità.
      La pazienza si è volatilizzata dietro a persone che altrimenti avresti caldamente mandato a quel paese.
      L'intelligenza preferisce tacere per pura decenza.

      Elimina
  3. La pazienza è una virtù difficile da mantenere. Può sempre sfociare nella rabbia...e allora sono dolori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pazienza è una virtù preziosissima. Soprattutto perché viene messa alla prova parecchie volte al giorno.

      Elimina
  4. Mi hai fatto cominciare bene la settimana: quando ho visto il titolo sono scoppiata a ridere.
    La pazienza è defunta (requiescat in pace), l'intelligenza... sì, quando (se) Neurino si sveglia, "ce la può fare".
    Bell'ambo, se poi aggiungiamo un pizzico di buon umore, facciamo un terno fortunato!
    Seriamente. L'augurio è saggio e lo faccio anche a me: questa settimana ho una visita di controllo, quanta pazienza dovrò racimolare per sopravvivere in un ambulatorio dell'ASL, dove - tra l'altro - fatico a distinguere i sani dai malati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di averti fatto iniziare bene la settimana.
      Mica è facile far ridere!
      Il buon umore, sono sincera, non me lo ritrovo quasi mai tra le mani alla mattina. Ma è difficile che me lo ritrovi vicino anche durante il resto del giorno.

      Allora: pazienza ed intelligenza anche a te, Marzia. Con o senza ASL.

      Elimina
  5. Marzia mi ha anticipato. Buonumore innanzitutto; sorriso e voglia di tramutare le contrarietà in opportunità o quanto meno in fatalità ineluttabili. E speranza poi. Si apre la caccia ogni mattina ormai. Leoni o gazzelle c'è comunque da correre e da pazientare, da sorridere con intelligenza, da sperare nella nostra assennatezza. ...hai detto niente! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto ottimismo!
      Peccato che non riesca a vederne neppure l'ombra.
      E' che, in generale, non sopporto granché gli ottimisti. Come ho letto da qualche parte una volta, sono solo delle persone male informate.

      Elimina
    2. ...ecco perché pazienza ed intelligenza tendono a non esserti sufficienti... ;)

      Elimina
    3. E temo non mi servirebbe a molto neppure l'ottimismo.
      T'assicuro!

      Elimina
  6. Pazienza e intelligenza sono necessarie per affrontare la vita. La pazienza serve per tollerare le avversità, l’intelligenza per capirle e magari superarle. Quando mancano entrambe, è un problema non da poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me le auguro entrambe ogni mattina. Tutte le mattine.
      A volte, però, non basta perché quello che si deve affrontare durante il giorno può devastare ogni buon proposito.

      Elimina
  7. Un binomio di virtù invincibili per vincere l'umanità stupida oltre quella porta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così sembra roba da super eroi... sorrido.

      Elimina
  8. Il nuovo mantra! Che poi sono le virtù che servono sempre, per qualsiasi cosa della vita. Che sia facile trovarne dosi giornaliere, ogni giorno tutti i giorni, beh, non è proprio cosa mia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei "ogni giorno tutti i giorni" per antonomasia quindi dovresti riuscire a fare tutto "ogni giorno tutti i giorni".
      O forse no?

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.