21 ottobre 2014

Momenti misantropi

Ci sono momenti in cui non riesco a non evitare il resto del genere umano. Non conosco esattamente la ragione ma, ogni tanto, percepisco un'avversione che mi chiude e mi allontana. Tendenzialmente preferirei persino prendere le distanze da me stessa, ma temo che per quanto la misantropia urli e si agiti, non sarà mai possibile allontanarmi da quella che sono. Quindi mi limito a rivestirmi di robusti aculei e a seppellirmi in un'asocialità che mi incupisce anche se mi illumina in qualche altro modo. Sono un animale bizzarro, ne prendo coscienza soprattutto in certi momenti. Ma di queste anomalie mi nutro e mi imbelletto.

[foto by Menoevil]

29 commenti:

  1. A farlo fichissimo il post, stavolta almeno, avresti dovuto chiudere i commenti.. ;)
    E sarebbe comunque rimasto vagamente ossimorico un "annuncio" di sepoltura asociale, emanato a mezzo social.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci ho neppure pensato, Franco.
      Ma i commenti non li ho mai chiusi.

      Elimina
    2. Perché il seppellirti d'asocialità è forse solo un chimerico desiderio..(incupita e allo stesso tempo illuminata)

      Elimina
    3. Ne avevo parlato in passato (oddio ho già scritto tutto!): da grande avrei voluto fare l'eremita.
      Poi non so cosa sia successo di preciso...

      Elimina
    4. Un mio sogno rimane quello dell'isola deserta, o perlomeno una Procida d'inverno (che da Crusoe c'era comunque più casino... )

      Elimina
    5. Dopo una settimana ci romperemmo i ....

      Elimina
    6. Sì, uomo. Credo che dopo un po', voi normalissimi uomini d'occidente, sareste depressi dalla solitudine.
      Sorrido...

      Elimina
  2. Ogni tanto un po' di misantropia è terapeutica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono perfettamente d'accordo con te, ma chère!

      Elimina
  3. Eh beh, dopo quest'ultimo dettaglio, lo posso tranquillamente affermare: siamo genelle separate alla nascita (i sette anni di differenza sono un dettaglio di poca importanza, ovviamente).
    Sorrido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (ecco, magari sostituisci uno dei due "dettagli" con "particolare". Brutta cosa non rileggere ciò che si scrive.)

      Elimina
    2. Che meraviglia! abbiamo anche un gemello :)

      Elimina
    3. Abbiamo sette anni di differenza?
      Cioè: io ho sette anni più di te o tu più di me?
      Va be'... alla fine non importa.
      Siamo "sorelle" virtuali.
      Mi sembra divertente...

      Elimina
    4. eh.... mi obblighi proprio a confessare: la più grande sono io : )
      ma non dirlo a nessuno ! (non dimostrandoli posso ancora barare)

      Elimina
    5. Neppure io li dimostro, a dire il vero.
      Quindi bariamo in due!

      Elimina
  4. "Per stare veramente bene dovrei scovare un posto dove non ci fossi nemmeno io, che non sempre mi sopporto. Qui almeno mi disturbo poco" (da il vino in inverno)
    Perdona l'autocitazione, serve a dirti che concordo.
    ciao
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi disturbo anche io ogni tanto.
      E sono momenti davvero inquietanti.

      Elimina
  5. Non credo di essere mai stato un misantropo, né di avere avuto voglia di isolarmi dal mondo. Vivo in questo mondo e posso farlo solo rapportandomi con gli altri, tutti gli altri, compresi quelli che a volte mi piacerebbe non fossero mai nati. Non ho detto "non avessi mai incontrati", ma proprio mai nati. Li ho in qualche modo incontrati? Li frequento, magari per necessità di lavoro? E allora che siano come sono. Forse mi sono incartato, seguivo un mio ragionamento e non più la tua riflessione. La tua riflessione, data l'ora insolita in cui l'hai fatta, diversa da quelle mattutine, potrebbe essere stata generata da qualche cosa che ti abbia guastato la serata? Una notizia letta sul giornale, una mail non gradita? Capita a volte anche a me.
    Pablo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece sono tendenzialmente una solitaria. Meglio: sola sto molto bene e non soffro. Non che rifiuti la socialità, sia chiaro. Lavoro tutto il giorno in mezzo a un gruppetto variegato di colleghe con le quali mi trovo a mio agio e chiacchiero un po' di tutto.
      Sarà anche per questo che in alcuni momenti ho proprio bisogno di ripiegare il lato "sociale" di me e di lasciare che la misantropia prenda il sopravvento.

      Non c'è nulla che mi abbia guastato la serata. Avevo solo voglia di scrivere questo post e l'ho fatto di sera. Tutto qui.

      Elimina
  6. Come diceva un saggio: “siate grati a chi non vi saluta quando vi incontra e a chi non chiede vostre notizie quando siete malato. Appena giunge la notte, siate felici della solitudine attorno a voi: felici di non vedere i visi degli uomini, felici di non udire le loro parole” 

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed infatti in alcuni momenti è proprio tale distanza che mi rende felice perché esaudisce il mio desiderio di solitudine.

      Elimina
  7. Ogni tanto te la prendi con te stessa. Ti dipingi brutta, faticosa, misantropa (anche misogina?). Sei scorbutica. Mi sai dire perché ce l'hai così tanto con te stessa? Cosa non ti soddisfa di te stessa? Cosa non sai accettare di te stessa?
    Hai mai pensato che tu sei l'unica persona insieme alla quale dovrai continuare a vivere fino alla fine?
    Psomoi Andrómeoi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Misogina? Non particolarmente.
      Misandrica? Molto più spesso.

      Dovrò convivere con me stessa fino alla fine. Non mi fa paura.

      Elimina
    2. Paura? Non intendevo questo, ci mancherebbe altro che temere se stessi. Volevo solo suggerire che forse dovresti cominciare ad essere felice di questa convivenza. Tu sei come sei e non ti puoi cambiare? Chiacchiere. A volte si è come si vorrebbe essere per questo ci si trova in difficoltà. Io mi accetto per quello che sono, nel bene e nel male. Fallo anche tu. Vista dall'esterno non mi sembri proprio tanto malaccio.
      Psomoi Andrómeoi.

      Elimina
    3. Mi scuso, manca qualcosa. Dovresti leggere così:
      " A volte si è come si vorrebbe essere, a volte no, per questo ci si trova in difficoltà."
      Adesso la frase ha il senso che volevo darle. Colpa di un clic troppo veloce.
      Psomoi Andrómeoi

      Elimina
    4. Oddio, mi percepisci come una insoddisfatta di sé?
      No, non sono così.
      Purtroppo, o per fortuna, ho un carattere abbastanza forte. Tendente alla "tirannide".

      Elimina
  8. Infatti qualche volta me ne sono accorto anche io.
    Sorrido.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.